rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Città Firenze

Uccise la compagna in luna di miele: pena dimezzata in Appello

L'omicidio avvenne tre anni fa in un ostello di Firenze. La pena di Tun Nay Bustos è stata ridotta da 30 a 16 anni. Per la Corte era "realmente turbato e sconvolto dall'azione compiuta"

Dimezzata la pena in appello da 30 a 16 anni. Così si è espressa la Corte d'appello di Firenze in merito alla pena da scontare per Tun Nay Bustos - 32enne birmano con passaporto messicano -  che uccise la compagna, una donna cinese di 21 anni, il 24 novembre 2018 in un ostello di Via Santa Caterina d’Alessandria, a Firenze. La coppia si trovava in luna di miele quando avvenne l'omicidio, la vittima (Qianying Liu) fu strangolata al termine di una lite.  

Per la corte, riferisce FirenzeToday, l'uomo era "realmente turbato e sconvolto dall'azione compiuta" prima di dare l'allarme, e non fuggì via. La pena per femminicidio è stataridotta per le attenuanti. "Occorre valorizzare il profilo psicologico del comportamento" dell'imputato nell'immediatezza del fatto, spiega la Corte, reazione che "vale molto più di tanti pentimenti e richieste di perdono sbandierate in udienza a distanza di giorni se non mesi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise la compagna in luna di miele: pena dimezzata in Appello

Today è in caricamento