Mercoledì, 4 Agosto 2021
Città Milano

"Sono armato", si barrica in casa e si lancia nel vuoto dal 22esimo piano: è in ospedale

L'uomo, dopo l'incredibile caduta, è atterrato sul telone gonfiabile dei vigili del fuoco. Ancora ignoti i motivi del gesto

foto Elena MilanoToday

Sarebbe entrato nel palazzo, non suo, seguendo una ragazza. Poi, si sarebbe barricato in un appartamento facendo credere di essere armato di una pistola. Quindi, dopo due ore di trattative serrate, si è lanciato nel vuoto. 

Pomeriggio di paura, quello di venerdì, nel condominio al civico 19 di viale Sabotino, zona Porta Romana. Verso le 18, un uomo di quarantaquattro anni è entrato nel "grattacielo" e dopo aver raggiunto il ventiduesimo piano si è barricato all'interno di un appartamento. Sul posto sono immediatamente intervenuti agenti della Digos e della Questura di Milano, con alcuni uomini della polizia che si sono appostati ai piani alti degli edifici vicini per tenere sotto controllo l'uomo, che continuava a riferire di essere armato. In viale Sabotino sono subito arrivati anche i vigili del fuoco, con sei mezzi, che hanno sistemato in strada un telo gonfiabile. 

Verso le 20, l'uomo ha scavalcato il parapetto del balcone e si è lanciato nel vuoto. Dopo un volo di circa sessanta metri, la vittima è caduta proprio sul gonfiabile dei pompieri e poi, di rimbalzo, è finito contro una macchina parcheggiata. Nell'incredibile caduta, l'uomo ha riportato traumi gravissimi: soccorso da un'ambulanza e un'auto medica, è stato trasportato all'ospedale Policlinico in prognosi riservata e in fin di vita.  

Ancora ignoti, al momento, i motivi che hanno spinto il quarantaquattrenne a compiere il folle gesto. 

La notizia su MilanoToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono armato", si barrica in casa e si lancia nel vuoto dal 22esimo piano: è in ospedale

Today è in caricamento