Giovedì, 15 Aprile 2021
Italia

Ustionato dopo essersi seduto sulla panchina della metro a Roma: piove acido dal soffitto?

Una panchina della centralissima fermata di piazza di Spagna è stata sigillata dai Carabinieri: il 62enne Cesare Fazioli ha denunciato che dopo essersi seduto un liquido lo ha letteralmente ustionato "squagliandogli" anche gli indumenti

Nella metropolitana di Roma una panchina della centralissima fermata di piazza di Spagna è stata sigillata dai Carabinieri. Le banderuole bianche e rosse hanno incuriosito le migliaia di romani e turisti che passano ogni giorno sulla banchina, ma quello che è successo lascia davvero - ancora una volta - senza parole. 

Il motivo di quei sigilli è dovuto ad una denuncia presentata da un uomo di 62 anni che asserisce di essersi seduto su uno dei sedili rigidi in attesa del treno trovandosi poi bagnato con del liquido che lo ha letteralmente ustionato "squagliandogli" anche gli indumenti. Il referto parla di "ustione nella regione glutea dopo contatto con sostanza caustica non nota".

Oggi Cesare Fazioli ha raccontato tutto a Mauro Cifelli di RomaToday: "È stata una delle esperienze più dolorose della mia vita"

Roma, metro Spagna, ustionato dopo essersi seduto sulla panchina

I fatti intorno alle 9:00 di giovedì 4 luglio, dopo che il 62enne si era messo su una seduta della banchina in attesa del convoglio che doveva portarlo a lavoro. 

A raccontare a RomaToday quanto accaduto lo stesso Cesare Fazioli"Mi sono seduto ed ho subito sentito del bagnato sui pantaloni. Nel frattempo è arrivata la metro e sono salito". Da li "venti minuti di calvario", ricorda ancora il 62enne." Ho sentito un fortissimo bruciore al fondoschiena. Un dolore incredibile con i pantaloni e gli indumenti intimi che mano a mano si appiccicavano e si squagliavano". 

Un viaggio in metro per arrivare a Cornelia "nel quale l'unica cosa che volevo fare era togliermi gli indumenti di dosso". Poi l'arrivo a destinazione, "dove ho chiamato un amico per farmi accompagnare in ospedale". 

Le vicissitudini di Cesare Fazioli erano però solo all'inizio. "Quando sono sceso a Cornelia mi sono reso conto che i pantaloni si erano praticamente squagliati. Questo ha fatto sì che il portafogli che avevo nella tasca posteriore destra mi cadesse in terra". Con i documenti sparsi sul pavimento "mi si è avvicinata una giovane che mi ha aiutato a riprendere quanto caduto. Mi ha ridato il portafogli ma erano spariti i 400 euro contenuti dentro". 

Piove acido dal soffitto della metro a Roma?

Arrivato il suo amico "Siamo andati all'ospedale Sant'Eugenio dove mi hanno medicato". Denunciato quanto accaduto alla Stazione dei Carabinieri di Roma San Lorenzo in Lucina i militari dell'Arma hanno raccolto la denuncia e sequestrato gli indumenti del 62enne. Poi gli accertamenti sulla seduta della metro Spagna, già nastrata dal personale Atac, dove i carabinieri hanno accertato la presenza di un rivolo liquido dal soffitto che arrivava sulla seduta della fermata della linea A. 

"E' stata una brutta esperienza - conclude Fazioli - che per fortuna è capitata a me che ho la pelle dura. E se su quella panchina ci si fosse seduta una mamma con un bimbo piccolo?". Intanto proseguono gli accertamenti dei carabinieri per far luce sul "giallo" della seduta della fermata della metro. 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ustionato dopo essersi seduto sulla panchina della metro a Roma: piove acido dal soffitto?

Today è in caricamento