Venerdì, 5 Marzo 2021
Firenze

Le persone fatte a pezzi e chiuse in valigia: nuovo macabro ritrovamento

Una terza valigia con resti umani è stata rinvenuta vicino al carcere fiorentino di Sollicciano. Come le due precedenti trovate lungo la FiPiLi all'interno vi sono resti umani

Ritrovata un'altra valigia con resti umani a Firenze. È la terza valigia che viene rinvenuta nella stessa zona situata tra il carcere fiorentino di Sollicciano e la superstrada FiPiLi. La prima valigia era stata rinvenuta casualmente da un pensionato il 10 dicembre, la seconda il giorno successivo, 11 dicembre, durante un controllo dei carabinieri. La terza valigia è stata identificata oggi pomeriggio nel corso di un nuovo sopralluogo da parte dei carabinieri del nucleo investigativo.

Come spiega Firenzetoday, se le prime due valigie apparentemente contenevano i resti umani della stessa persona, sezionata e suddivisa in due valige, il nuovo macabro ritrovamente sarebbe riconducibile ad un'altra persona. Il rinvenimento è avvenuto in un terreno agricolo a distanza di circa 100 metri in direzione di Pisa, alla base della sopraelevata della superstrada Fi-Pi-Li, tra la medesima arteria stradale e la recinzione perimetrale posteriore del carcere di Sollicciano. 

Secondo quanto apprende l'agenzia Agi dall'autopsia dei resti della prima valigia è emerso che il soggetto, ancora ignoto, dell'apparente età di almeno 40 anni, sarebbe stato ucciso con una coltellata alla gola e la morte risalirebbe a non meno di sei mesi fa. Anche i resti scoperti oggi sono in stato di saponificazione, ma rispetto a quelli dei giorni scorsi sarebbero non completi ma appartenenti solo alla parte superiore del corpo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le persone fatte a pezzi e chiuse in valigia: nuovo macabro ritrovamento

Today è in caricamento