Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Città Varese

Anziani uccisi a Varese, confessa il vicino di casa: ha ucciso per pochi spiccioli

Un testimone lo ha visto vicino alla casa del delitto. Il figlio della coppia era stato inizialmente indagato per duplice omicidio volontario come atto formale

VARESE - Ha confessato l'assassino di Martino Ferro e Graziella Campiello, i due anziani coniugi di Venegono Inferiore trovati morti nella loro villetta. Ad ucciderli è stato Alessandro Lorena, 28 anni, figlio dei vicini di casa. Il ragazzo, disoccupato, avrebbe ucciso la coppia per rapinarli.

Ferro e sua moglie, descritti da tutti come due brave persone, senza particolari problemi economici o di salute, lo hanno fatto entrare in casa, si fidavano di lui. Lorena avrebbe quindi aggredito Martino Ferro, nel garage adiacente alla villetta, colpendolo alla testa con un martello, e poi si sarebbe accanito contro Graziella Campiello, strangolandola con dei cavi elettrici. Dopo il delitto, Lorena ha frugato nei cassetti e ha portato via una piccola somma.

A trovare i cadaveri è stato l'unico figlio dei Ferro, Dario. Preoccupato perché aveva avuto più loro notizie, Dario Ferro ha forzato la porta con l'aiuto di un parente e ha scoperto i corpi senza vita dei genitori. Il pm lo ha iscritto nel registro degli indagati per duplice omicidio volontario, un atto formale per consentire di compiere gli accertamenti tecnici irripetibili sulla sua auto e su alcuni abiti sequestrati dai carabinieri in casa sua a Gornate Oona, un paese poco distante da quello dove è avvenuta la tragedia.

I sospetti si sono poi però concentrati su Alessandro Lorena: un testimone lo aveva visto vicino alla villetta dei Ferro in un orario compatibile con quello del delitto. Dopo aver cercato di fornire un alibi e negare tutto, Lorena è infine crollato davanti agli investigatori, confessando di aver ucciso la coppia per rapinarli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziani uccisi a Varese, confessa il vicino di casa: ha ucciso per pochi spiccioli

Today è in caricamento