Giovedì, 24 Giugno 2021
Città Rimini

Chiede aiuto dal balcone, convince una ragazza a salire e tenta di violentarla

Secondo la squadra mobile la vittima sarebbe stata minacciata con un coltello. Provvidenziale l'intervento di un vicino di casa dell'aggressore. I fatti a Rimini

Foto di repertorio

A Rimini una ragazza di 19 anni è stata aggredita da un uomo di 40 che avrebbe cercato di violentarla puntandole un coltello alla gola. Secondo la ricostruzione della squadra mobile la vittima stava passeggiando in strada nella zona di via Marecchiese quando la sua attenzione è stata attirata dal 40enne che chiedeva aiuto dal balcone di casa. La giovane, credendo che si trattasse di un'emergenza, si è convinta a salire nell'appartamento dell'uomo ma appena arrivata sulla soglia di casa sarebbe stata aggredita con un coltello alla gola. L'uomo l'ha trascinata all'interno dell'appartamento e, dopo averle tappato la bocca con una mano, ha cercato di abusare di lei. 

Ne è nata una colluttazione con la vittima che è riuscita a gridare per chiedere aiuto e le sue urla sono state sentite da un vicino di casa che è accorso per capire cosa stesse succedendo. Da dietro la porta, però, il 40enne ha spiegato che si trattava di un semplice gioco ma questa versione non ha convinto il vicino che ha dato l'allarme alla polizia. Capendo di essere stato scoperto, l'aggressore ha liberato la 19enne ma nel frattempo sul posto si sono precipitate le Volanti che hanno bloccato l'uomo. Questa la ricostruzione delle forze dell'ordine su cui ovviamente dovrà esprimersi la magistratura.

La vittima portata in ospedale in stato di choc

Portato in Questura e ascoltato dalla Mobile, è emerso che il 40enne aveva già dei precedenti specifici nei confronti di una minorenne ed è stato quindi arrestato su disposizione del pubblico ministero di turno e trasferito nel carcere dei "Casetti" in attesa della convalida. La vittima, invece, è stata trasportata in stato di shock al Pronto Soccorso dell’Ospedale Infermi di Rimini, dove è stata dimessa con una prognosi di 5 giorni a causa di alcune piccole lesioni riportate nel corso della violenta aggressione, causate, tra l’altro, da alcuni morsi che l’aggressore le ha dato sulle braccia nel tentativo di farla desistere da ogni reazione. Il quarantenne, su disposizione del P.M. di turno Luca Bertuzzi, è stato portato alla Casa Circondariale di Rimini in attesa del giudizio di convalida. La vittima, invece, è stata trasportata in stato di shock presso il pronto soccorso dell'Infermi dove è stata medicata per delle ferite, alcune delle quali riconducibili ai morsi inferti dal 40enne alle braccia, e poi dimessa con una prognosi di 5 giorni. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiede aiuto dal balcone, convince una ragazza a salire e tenta di violentarla

Today è in caricamento