rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Città Lecce

Muore a 95 anni, lascia all'Asl tre milioni di euro

Un'anziana benefattrice ha lasciato titoli, risparmi e una casa alla Azienda sanitaria di Lecce, indicata nel testamento come unica erede

Un lascito da oltre tre milioni di euro per l'Asl di Lecce. Questa l'eredità di una donna di 95 anni, che ha deciso donare una casa, oltre a titoli e risparmi, con l'obiettivo di realizzare una struttura "di cura e assistenza" a Maglie, sempre in provincia di Lecce. La maxi eredità è stata accettata oggi dal direttore generale di via Miglietta, Stefano Rossi, nello studio del notaio Giovanni De Donno a Maglie, l’eredità di Vita Carrapa, deceduta il 16 febbraio del 2019 a 95 anni.

Nel testamento redatto nel 2009 l'anziana aveva indicato la stessa Asl come erede universale, chiedendo che il suo lascito sia impiegato per la realizzazione della struttura a Maglie da intitolare 'Carrapa Paolo e sorelle'.

L'eredità consiste in un patrimonio composta da una casa, titoli dal valore di 1.800.000 euro e circa 970mila euro di risparmi. L'iter per l'accettazione del testamento ha subito nelle ultime settimane un'accelerazione per volontà della direzione strategica perché Asl Lecce, per beneficiare dell'eredità, deve realizzare la struttura entro cinque anni dall'apertura del testamento.

"Vita Carrapa è una benefattrice dei nostri tempi che io ringrazio, a nome di tutta l'Azienda, per la sua generosità e la sua lungimiranza. Faremo del nostro meglio - afferma Rossi - perché le volontà della testatrice trovino un concreto soddisfacimento, perché la sua idea di tutela della salute in una struttura pubblica si realizzi, in memoria dei suoi adorati fratelli". 
   

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore a 95 anni, lascia all'Asl tre milioni di euro

Today è in caricamento