Martedì, 11 Maggio 2021
Tensione al corteo dei lavoratori

1° maggio: scontri tra antagonisti e polizia in piazza Castello a Torino. Il video

Lo spezzone del corteo composto da centri sociali e movimento No Tav ha cercato di dirigersi verso il municipio forzando il cordone della polizia

La carica di allegerimento tra Polizia e No Tav in piazza Castello. Torino, 1 maggio 2021 ANSA/JESSICA PASQUALON

Scontri tra antagonisti e polizia in piazza Castello a Torino nella mattinata di oggi, sabato 1 maggio 2021, in occasione della festa dei lavoratori. Lo spezzone del corteo composto da centri sociali e movimento No Tav, partito da piazza Vittorio Veneto, ha cercato di andare verso il municipio, imboccando via Palazzo di Città, ma è stato respinto dalle forze dell'ordine.

Tutto ha avuto inizio alle 9 del mattino circa quando in Piazza Vittorio Emanuele si sono radunati i manifestanti che fanno capo al corteo sociale. Tra questi ci sono militanti dei centri sociali torinesi, alcuni partiti e molte bandiere del Movimento No Tav. 

Il corteo si è diretto lungo via Po per arrivare in Piazza Castello ed è qui che scattata la mossa a sorpresa dei manifestanti che repentinamente hanno cambiato direzione per muoversi verso via Palazzo di Città. Il loro obiettivo è il Comune. È in questo momento che poliziotti e manifestanti sono venuti a contatto. Ci sarebbero stati tre feriti, due manifestanti e un poliziotto. Tutto è durato un paio di minuti, giusto il tempo di piazzare davanti ai poliziotti schierati il bambolotto di Mario Draghi chinato su una ghigliottina pronta a scattare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Servizio di Gioele Urso, redazione di TorinoToday

Il sindacato della polizia: "Scontri a Torino, per noi non c'è festa"

''A Torino la giornata si apre con i primi scontri tra manifestanti che vogliono sfondare un cordone di sicurezza per arrivare al municipio e i poliziotti del servizio d'ordine. Festa dei Lavoratori? Non c'è mai festa per chi porta la divisa in questo paese, ma solo sacrifici malpagati e non riconosciuti. Solo attentati continui alla nostra integrità fisica e morale, alla nostra dignità, alle nostre vite familiari, alla nostra dignità". Così Valter Mazzetti, segretario generale Fsp Polizia di Stato, dopo gli scontri verificatisi a Torino durante la manifestazione per il Primo maggio, quando militanti dei centri sociali, antagonisti e No Tav hanno cercato di dirigersi verso il Municipio, in via Palazzo di Città, forzando un cordone delle forze dell'ordine.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

1° maggio: scontri tra antagonisti e polizia in piazza Castello a Torino. Il video

Today è in caricamento