Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Accusata di stalking, ma era solo una calunnia: le tolgono i figli per 4 anni

Assurda vicenda giudiziaria nel Torinese: indagati assistenti sociali e carabinieri

Non vede i suoi bambini da quattro anni. Tutto a causa di un’accusa di stalking che alla prova dei fatti si è rivelata falsa: a calunniare  Annamaria Notario, 37enne di Foglizzo, piccolo comune del Torinese, era stata la sua rivale in amore, Giulia Baro, 39enne di Caluso, nuova compagna del suo ex marito. 

Accuse che non avevano alcun fondamento, come è emerso nel corso del processo davanti al tribunale di Ivrea. E vita rovinata per la vittima e per i suoi tre figli, racconta Davide Petrizzelli su TorinoToday.

Il giudice Elena Stoppini ieri ha pronunciato il verdetto che potrebbe aprire le porte al ritorno dei suoi bambini a casa. Ma nulla potrà ripagare la giovane mamma e i suoi tre figli del calvario patito per quattro lunghi anni. Sì perché a causa di quell’accusa infamante Annamaria Notaro ha passato sei mesi agli arresti domiciliari prima che il pm che conduceva l'inchiesta, Chiara Molinari, si rendesse conto che tutta la storia non stava in piedi. 

Accusa di stalking, le tolgono i figli per 4 anni

L’incubo della 37enne inizia il 14 luglio 2014: quel giorno la donna riceve una chiamata dai carabinieri che la invitano a presentarsi in caserma con in bambini. Qui Annamaria trova gli assistenti sociali che le portano via i piccoli: i due più giovani finiscono in una comunità protetta, il più grande col padre. 

Ma l’accusa di stalking altro non era che una gigantesca menzogna. L’avvocato della difesa è riuscito a dimostrare che la 37enne non aveva mai pedinato né tantomeno importunato la nuova compagna del marito. Non solo. Nel corso delle indagini è emerso un dettaglio che getta una luce sinistra su tutta la vicenda. Il 24 novembre 2014 dal computer aziendale di Giulia Baro - la calunniatrice - era partita una lettera anonima indirizzata agli assistenti sociali che avevano tolto i figli alla rivale. Una lettera piena di insulti : "Voleva gettare altro fango sulla mia cliente spacciandosi per lei" ha commentato alla Stampa l’avvocato della Notaro, Edoardo Carmagnola. Per questo il 16 aprile 2015 Giulia Baro era stata addirittura arrestata. 

Indagati carabinieri e assistente sociale

La donna, però, potrebbe anche non avere agito da sola, come racconta ancora TorinoToday. Per la vicenda, infatti, sono indagati due carabinieri di Montanaro che sarebbero entrati nei database dell’Arma per farle un favore, e una dipendente dei servizi sociali dell'Asl To4 che, basandosi esclusivamente sulle accuse poi rivelatesi infondate, aveva firmato la relazione che aveva convinto i giudici del tribunale di Torino a portare via i tre figli ad Annamaria Notario. Adesso la 37enne attende che si fatta finalmente giustizia e che il tribunale di Ivrea si pronunci sul ritorno a casa dei bambini. 

"Non vedo mia figlia da 18 mesi, suo padre l'ha plagiata"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accusata di stalking, ma era solo una calunnia: le tolgono i figli per 4 anni

Today è in caricamento