Giovedì, 17 Giugno 2021
La mamma coraggio

Le stragi del profitto e lo Stato che ''dimentica'': "Non possiamo diventare ragionieri dei morti"

Le parole di Adele Chiello Tusa, la madre di Giuseppe Tusa, vittima del crollo torre di Genova 7 Maggio 2013: ''Siamo stanchi di subire in silenzio un sistema di lucro a svantaggio della vita umana.

Adele Chiello Tusa

Adele Chiello Tusa, una mamma coraggio che ha combattuto per otto lunghi anni per rendere giustizia a suo figlio, Giuseppe Tusa, uno delle vittime del crollo torre di Genova avvenuto nel 2013. Una donna che ha vissuto sulla propria pelle cosa vuol dire cercare la verità ad ogni costo, anche quando tutti ti danno per sconfitta. Adele, come altri familiari delle vittime e superstiti di questi disastri ''del profitto'' è una delle promotrici del comitato nato per chiedere allo Stato che non ci siano più stragi dettate dal business: ''Non sono qui per manifestare il mio dolore, quello è solo mio e non lo posso delegare a nessuno. Ma l’esperienza dei miei lunghi e dolorosi otto anni di ricerca della verità, mi induce a sollevare questo grave problema alle istituzioni. Non ho colori politici, la mia bandiera è unica per il mio Paese, per una condizione di diritto per tutti i cittadini che sono stanchi di subire in silenzio un sistema di lucro a svantaggio della vita umana''.

Nel suo intervento, Adele ha ripercorso la sua esperienza, da quando l'incubo ebbe inizio nella notte del 7 maggio 2013: ''La notte della tragedia, tutte le TV hanno mandato in onda edizioni speciali. Il giorno dei funerali i riflettori sono stati tutti accesi sulle passerelle dei politici, in molti casi anche con la presenza del Presidente della Repubblica di turno. Ascoltiamo tutte le frasi di solidarietà di circostanze e  promesse mai mantenute: ''non accadrà mai più''. Il Presidente Napolitano mi promise,sulla bara di mio figlio Giuseppe, un processo rapido e cristallino. Il tempo passa e la notizia di una strage scivola sempre più in fondo, finché la notizia va scemando fino al silenzio totale. A questo punto i familiari delle vittime rimangono sole, abbandonate dallo stato, quello stesso stato che spesso è colpevole degli eventi. Comincia l'iter di un processo, quasi sempre sconosciuto a noi familiari in una fase di grande fragilità per la grave perdita di una persona cara, ci si ritrova in un'aula di tribunale a sperare che un cavillo non si trasformi nella beffa dopo il danno subito. Affrontarlo costituisce grande energia emotiva ed economica, quindi cala l'abisso totale e hai solo due alternative: 1) abbandoni tutto e deleghi agli avvoltoi di turno o 2) ti rimbocchi le maniche e devi intraprendere una dolorosa battaglia in giudizio. Agire, per fare emergere le responsabilità degli atti compiuti in violazione di quei diritti legittimi, e l'accertamento della natura oggettiva del reato, sarebbe stato compito della procura, il PM ha l'obbligo di  esercitare l'azione penale''.

''Purtroppo – aggiunge - non è stato così nel processo del crollo torre e di tanti altri processi italiani. Non era compito mio, pertanto mi sono ritrovata in primis a dover affrontare anche una battaglia con chi mi avrebbe dovuto tutelare: "Lo Stato". Un grande conflitto ottenere giustizia dallo stesso colpevole. Ho dovuto difendere la morte di mio figlio Giuseppe Tusa, ho dovuto urlare per avere voce e per dare voce a una indifferenza totale su un evento così tragico per effetto di condotte illecite. La legge non rispetta la dignità delle vittime e dei suoi familiare, le vittime subiscono gli effetti della negligenza, dell'inerzia,della colpa e spesso anche della malafede di un servizio dello stato fatto male, che non dovrebbe far parte di uno stato di diritto uguale per tutti. La prima domanda che mi sono posta è stata: "chi ha ucciso mio figlio e i suoi colleghi di lavoro?" Ebbene ho trovato la risposta in ogni concessione edilizia riconosciuta ad una struttura che ha portato un edificio, una scuola, un luogo di lavoro, un ospedale, un binario, una strada, un ponte ecc...e non per ultima una nave, in un luogo in cui non doveva trovarsi''.

Disastri terribile ed evitabili, come ricorda Adele Chiello Tusa, facendo riferimento ai recenti fatti di cronaca: ''Un sistema infrastrutturale che crolla e provoca tantissime vittime. Ultima strage il crollo della funivia di Stresa, manomissioni volontari per ottenere più profitti, 14 vite sterminate e lo stato continua a non vigilare sulle manutenzioni. Lo Stato chieda scusa, non possiamo diventare i ragionieri dei morti. Siamo indignati!''

''Ogni impunità - conclude - produce altre vittime, alimenta la corruzione, le classiche mazzette per gli appalti che vengono autorizzate, senza alcuna vigilanza per la sicurezza dei cittadini. Togliamo il minimo al ribasso negli appalti. È un sistema di corruzione che va fermato con solidi provvedimenti legislativi. Tutti abbiamo  il diritto di vedere rispettato il tempo della giustizia, di usufruire di una giustizia di qualità, in quanto a risultati attesi e accettabili e a non subire altri danni, dovuti alle procedure giudiziarie e soprattutto alla prescrizione del reato.   Un colloquio tra istituzioni e società civile può essere solo costruttivo, non dimenticando che la sovranità appartiene al popolo italiano, pertanto auspico che il nostro appello venga ascoltato e questo nostro documento venga valutato dai nostri governanti''.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le stragi del profitto e lo Stato che ''dimentica'': "Non possiamo diventare ragionieri dei morti"

Today è in caricamento