rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Misteriosa aggressione / Roma

Uomo trovato in una pozza di sangue: "Massacrato da tre donne"

Soccorso, è stato portato in ospedale. Una residente: "Aveva il volto sfigurato da tagli fatti col vetro"

A salvarlo sono state le grida dei residenti che hanno messo in fuga "le tre donne che lo stavano picchiando". Giallo a Roma, nella zona del parco Tevere-Magliana, dove un uomo è stato soccorso dal personale del 118 dopo essere stato malmenato e lasciato in terra in una pozza di sangue, con ferite al volto e alla testa. 

Sono le 2 di domenica 10 settembre quando gli abitanti della Magliana richiedono l'intervento di una ambulanza all'altezza dell'incrocio fra via Greve e via Foiano della Chiana, all'altezza della pista ciclabile della Magliana, sulla riva Pian Due Torri del fiume Tevere.  Sul posto, come accertato da RomaToday, il personale del 118 ha trovato riscontro nella richiesta d'intervento trovando un uomo con ferite al viso e al capo. L'uomo è stato poi trasportato all'ospedale San Camillo in codice giallo. Medicato, è stato poi dimesso. 

"Picchiato da tre donne"

A raccontare l'accaduto una residente: "Da quanto ho potuto vedere è stato picchiato da tre persone, delle donne robuste. Aveva il volto sfigurato dai tagli di vetro. Se non fosse stato per alcuni residenti del posto lo avrebbero ucciso, quello che vogliamo noi abitanti della zona è sicurezza e che queste tre donne paghino per il loro crimine. In quel posto nel parco ci sono tante persone che bevono molto alcol, dovrebbe essere proibito, dovrebbe esserci la sorveglianza della polizia". 

Il parco Tevere Magliana 

Un vero e proprio mistero, che ha riacceso i riflettori sull'area del parco Tevere-Magliana. Inaugurata nel 2014 durante l'amministrazione dell'allora sindaco Ignazio Marino, è salita alla ribalta delle cronache diverse volte per la presenza di discariche e vandali che nel corso degli anni hanno danneggiato le aree giochi. Proprio al fine di prevenire incivili e vandalismi la sindaca Virginia Raggi nel 2019 aveva annunciato l'installazione di sei telecamere atte a contrastare i fenomeni di degrado crescente dell'area verde a ridosso del fiume Tevere. A distanza di quasi 10 anni dall'apertura l'aggressione, che ha riacceso il timore degli abitanti del quartiere del XI municipio Arvalia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uomo trovato in una pozza di sangue: "Massacrato da tre donne"

Today è in caricamento