Domenica, 20 Giugno 2021
Violenza in pieno centro / Latina

Massacrano di botte un passante per "sfogarsi": due giovanissimi arrestati per tentato omicidio

I due sono ritenuti responsabili di aver pestato un uomo, trovato in strada senza sensi a Sezze (Latina) e soccorso dal 118. Durante le indagini la polizia si è scontrata con la ritrosia e l’omertà di diverse persone nel tentativo di trovare testimoni per ricostruire cosa fosse accaduto realmente alla vittima

Un'aggressione violenta e per futili motivi, che ha portato un uomo in ospedale con una frattura del cranio e un'emorragia cerebrale. Di questo sono accusati due giovanissimi, un 17enne di Priverno e un 20enne di Sezze, arrestati per tentato omicidio per i fatti avvenuti lo scorso 30 marzo a Sezze, in provincia di Latina. I due sono ritenuti responsabili di aver pestato un uomo di nazionalità romena, trovato in strada privo di sensi e soccorso dal 118.

Nonostante fossero presenti sul posto diverse persone, come accertato dalle indagini partite immediatamente dopo il ricovero dell'uomo all'ospedale Santa Maria Goretti di Latina, gli agenti della Squadra Mobile hanno riscontrato ritrosia e notevole difficoltà nel trovare testimoni per definire cosa fosse accaduto realmente alla vittima, che inizialmente si pensava potesse avere avuto un malore in strada.

Aggrediscono uno straniero in strada senza motivo: le accuse contro due giovanissimi

Nonostante questo, gli investigatori sono riusciti comunque a ricostruire i fatti e a risalire ai due giovani, che si trovano uno in un istituto penale minorile e l’altro nel carcere di Sezze. Secondo la ricostruzione degli agenti, i due ragazzi avrebbero aggredito l'uomo verosimilmente per la mera voglia di sfogarsi, approfittando anche del fatto la vittima era poco reattiva e in stato confusionale, perché in evidente stato di ebrezza alcolica. Il 17enne lo avrebbe colpito con uno schiaffo al volto mentre il 20enne, che pratica boxe a livello amatoriale, gli avrebbe quindi sferrato un violento pugno al mento che lo avrebbe fatto cadere per terra, provocandogli la frattura del cranio e un'emorragia cerebrale. L'uomo è stato sottoposto a delicati interventi chirurgici e ora non è più in pericolo di vita.

Le indagini, come scrive LatinaToday, hanno inoltre evidenziato da un lato la scaltrezza degli indagati, che si sono precostituiti un alibi, e dall'altro la ritrosia e l’omertà di molte persone a conoscenza dei fatti, di fronte alla possibilità che in paese di potesse sapere cosa avessero realmente fatto i due giovani. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massacrano di botte un passante per "sfogarsi": due giovanissimi arrestati per tentato omicidio

Today è in caricamento