Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

"L'Aids si contrae con un bacio o un abbraccio". Hiv e giovani: in pochi usano precauzioni

Tre studenti su quattro hanno avuto rapporti sessuali senza profilattico. Tra pericoli e disinformazione, ecco i dati del sondaggio "EducAids" della Lila di Cagliari

Il primo dicembre sarà la Giornata mondiale contro l'Aids. E mentre, per l'occasione, il Ministero della Salute lancia la campagna di comunicazione "Con l'Hiv non si scherza, proteggi te stesso e gli altri" - con due spot televisivi che andranno in onda sulla Rai a partire da questo venerdì - sono 3.451 le nuove diagnosi di infezione da Hiv registrate nel 2016, secondo una ricerca dell'Istituto superiore di Sanità. Le regioni italiane con l'incidenza più alta sono Lazio, Marche, Toscana e Lombardia; l'incidenza maggiore si registra nella fascia d'età 25-29 anni.

Viene da chiedersi: i giovani italiani conoscono i rischi connessi al contagio? Sono informati e usano precauzioni? Solo in parte, a giudicare dai dati del "Lila Report 2017" presentato oggi a Roma, una ricerca effettuata dalla Lega italiana per la lotta contro l'Aids tra studenti con un'età tra i 16 e i 18 anni. Più di un ragazzo su dieci pensa erroneamente che l'Hiv si possa contrarre con un bacio. Il 4,2% degli intervistati, invece, ritiene che come modo per contrarre il virus basti il contatto fisico. Per l'1% dei ragazzi intervistati basta un abbraccio. Tutti, in realtà, comportamenti non pericolosi.

Il progetto EducAids 2017

Il campione analizzato è di 3.389 ragazzi di età compresa tra i 16 e i 18 anni degli istituti secondari superiori di Cagliari e provincia. Dal 2 febbraio al 17 maggio 2017, la Lega italiana per la lotta contro l'Aids sede di Cagliari ha somministrato un questionario al fine di indagare le conoscenze, gli atteggiamenti e le rappresentazioni rispetto alla percezione del rischio della trasmissione dell’Hiv nella popolazione studentesca. La ricerca si è orientata con maggiore precisione verso i comportamenti dei partecipanti relativamente all’uso del profilattico e di altri contraccettivi e sulle motivazioni che spingono gli studenti a preferirli o a evitarli (qui tutti i dettagli del Report 2017).

Cosa è emerso? I giovani studenti conoscono i rischi, sanno che il sesso non protetto aumenta le probabilità di trasmissione del virus dell'Hiv, eppure molti di loro ammettono di aver avuto rapporti "pericolosi". Del 50,2% che ha dichiarato di aver già avuto rapporti sessuali, infatti, il 27% non ha mai fatto uso del preservativo, mentre solo il 25,6% ha affermato di averlo utilizzato sempre. Secondo i dati del Report, il 98,8% conosce i rischi del sesso senza protezioni: il 74,4% degli intervistati, però, non ha preso precauzioni almeno in un’occasione. Il profilattico è il metodo contraccettivo preferito dai maschi che non hanno una relazione fissa. La pillola anticoncezionale viene preferita invece dalle coppie. Tra chi non usa mai il preservativo o lo fa solo occasionalmente è diffusa la convinzione che non serva o che sia scomodo. Per alcuni, inoltre, il prezzo dei preservativi sarebbe troppo alto.

L'informazione e la prevenzione, insomma, non bastano mai. "C'è poca consapevolezza tra i ragazzi e le ragazze sulle malattie sessualmente trasmissibili e sull'Aids, come se l'Aids fosse scomparso. Non è così - ha sottolineato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin -. L'incremento è dovuto, nella maggior parte dei casi, per l'abbassamento della percezione del rischio e quindi con comportamenti non corretti, non protetti che portano poi all'insorgenza di alcuni casi realmente gravissimi e di altri di cui non aveva contezza, penso alla sifilide o alla gonorrea. Motivi per cui con il ministero abbiamo pensato a una serie di campagne modulate su diverse fasce di età, su diverse sensibilità, per cercare di riattivare un allarme in questo senso".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'Aids si contrae con un bacio o un abbraccio". Hiv e giovani: in pochi usano precauzioni

Today è in caricamento