rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Genova

Nessuno vuole difendere Alberto Scagni

A due settimane dal processo, i legali rinunciano a rappresentare l'uomo che ha accoltellato a morte la sorella Alice. I genitori: "Sta male, leggendo le sue parole si rinnova in noi il senso d'impotenza"

A due settimane dal processo Alberto Scagni rimane di nuovo senza avvocati. Dopo la rinuncia di Mario Mascia ed Elisa Brigandì anche i nuovi difensori, Simone Queirolo Cometti e Michela Beatini, se ne vanno. Nessuno vuole seguire il 42enne che il primo maggio del 2022 ha ucciso con 17 coltellate la sorella Alice sotto casa sua in via Fabrizi a Quinto. Il motivo è lo stesso: divergenze con l'assistito per cui ora sarà nominato un avvocato d'ufficio in vista del processo che si aprirà il prossimo 9 giugno.

Alberto, intanto, dal carcere di Marassi, continua a riempire fogli su fogli e ha spedito una lettera alla madre: "Solletico"; "Pallavolo", "Solletico"; "Pallavolo", sedici righe tutte uguali con le stesse parole. "Potrebbero essere reminiscenze di lui con Alice o parole scelte a caso, ma in ogni modo denotano che sta male - commenta Antonella Zarri, madre di omicida e vittima - è lo stesso Alberto del giorno dell'omicidio, una persona con cui è impossibile negoziare, che vede complotti ovunque e non si rende conto che è in una situazione disperata anche dal punto di vista processuale. Purtroppo rinnova il nostro senso di impotenza totale di quei giorni e la rabbia che nessuno ci abbia aiutato quando abbiamo detto che andava fermato".

Il legale che segue la famiglia Scagni commenta la scelta dei colleghi di lasciare il mandato: "Si è creata una situazione drammaticamente paradossale nella quale è impossibile difendere un imputato che, solo per il consulente della procura, sarebbe pienamente capace di intendere e volere - dichiara a GenovaToday Fabio Anselmo - chiunque ne assuma la difesa dovrebbe agire professionalmente ignorando e superando il rapporto fiduciario col proprio assistito (e i suoi deliri) è così assumendosene tutte le conseguenze".

Continua a leggere su Today.it...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessuno vuole difendere Alberto Scagni

Today è in caricamento