rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Cronaca

Addio a Alessandro Leogrande, scrittore e giornalista sempre in "difesa degli ultimi"

Aveva quarant'anni. Il suo nome è legato a inchieste e reportage su caporalato e sfruttamento

E' morto improvvisamente lo scrittore, giornalista e filosofo Alessandro Leogrande. Aveva quarant'anni. E' stato vicedirettore dello Straniero, la rivista diritta da Goffredo Fofi.

Originario di Salerno, scriveva per il Corriere del Mezzogiorno e collaborava con Rai Radio 3, dopo essere passato anche per Internazionale, Pagina 99, Il Riformista,  Minima&Moralia. 

Il nome di Leogrande era legato soprattutto a libri e articoli scritti sul caporalato e all'immigrazione.  Tra i suoi libri "Uomini e caporali", dedicato al primo processo contro la schiavitù dei lavoratori nei campi pugliesi, e "Il Naufragio" sulla tragedia dell'immigrazione albanese davanti alla costa pugliese a bordo della Kater i Rades.

Il suo impegno è sempre stato "in difesa degli ultimi e dei ferocemente sfruttati nei più diversi contesti: nell'ambito del caporalato, degli immigrati, dei desaparecidos in Argentina, e ovunque ci sia stato un sopruso", ha scritto il padre in un commosso messaggio con il quale ha dato la notizia della morte del figlio. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Alessandro Leogrande, scrittore e giornalista sempre in "difesa degli ultimi"

Today è in caricamento