rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Violenza brutale

Alessio Madeddu, l'omicidio è un rebus: lo chef è stato massacrato con un'accetta

Lo chef di Teulada era noto per aver partecipato a "Quattro Ristoranti", con Alessandro Borghese. Indagini complesse, la zona è isolata e pressoché disabitata. Nessun testimone ma molte tracce di sangue. I carabinieri: "Abbiamo delle piste"

Sono tanti i punti di domanda sulla tragica fine di Alessio Madeddu, lo chef di Teulada (noto per aver partecipato tre anni fa a uno dei più amati programmi tv di cucina, "Quattro Ristoranti, con Alessandro Borghese): il 51enne è stato trovato morto davanti al suo ristorante Sabor’e mari (Sapore di mare) a Porto Budello, a Teulada, nel sud della Sardegna.

Aggiornamento ore 8.05: l'omicida ha confessato

Alessio Madeddu: ipotesi spedizione punitiva

L'hanno finito con un'accetta, con brutale violenza. L'arma era vicino al corpo. Madeddu sarebbe stato ucciso da più persone, che lo avrebbero massacrato per poi lasciarlo privo di vita di fronte al suo locale. Una spedizione punitiva, secondo gli inquirenti. Lungo la stradina che conduce al suo locale, sono state rinvenute numerose tracce di sangue che potrebbero essere riconducibili sia alla vittima che agli assassini.

Alessio Madeddu con le sue semplice ricette rustiche di pesce pescato, spesso con le sue mani, aveva conquistato popolarità. Un personaggio molto riconoscibile: barba lunga, bandana, gestiva con la figlia e i familiari il locale diventato famoso,  ma sempre rimasto a conduzione familiare. E' stata la figlia a trovare il cadavere e a chiamare i soccorsi intorno alle 9 di giovedì. Le indagini non si preannunciano facili, anche se sarebbero già state sentite varie persone. "Le indagini stanno procedendo velocemente - fanno sapere i carabinieri ai giornali locali - abbiamo delle piste". Il locale si trova una zona totalmente isolata anche se solo a meno di un'ora di auto da Cagliari, in cui anche i cellulari prendono a singhiozzo; una parte di Sardegna piena di turisti in estate ma di fatto disabitata in autunno e inverno. Per tutta la giornata la strada di collegamento è stata chiusa al traffico dai carabinieri: la scientifica ha lavorato alla ricerca di indizi fino a sera.

Madeddu era l’unico abitante della piccola baia

L'omicidio è un giallo: Madeddu avrebbe tentato invano di difendersi e aver ferito uno o più dei suoi killer. Dall'analisi delle tracce ematiche potrebbe arrivare la svolta. Si è trattato di un incontro casuale degenerato in rissa o un appuntamento con intenti punitivi? Testimoni non ce ne sono. Madeddu era l’unico abitante della piccola baia ed era agli arresti domiciliari. Lo scorso marzo era stato condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione per duplice tentato omicidio, danneggiamento e resistenza. Nel novembre 2020 lo chef aveva assalito con una ruspa una pattuglia di carabinieri che in precedenza gli avevano ritirato la patente dopo che aveva rifiutato l'alcoltest. Arrestato, Madeddu aveva trascorso circa 5 mesi di custodia cautelare in carcere e dopo la condanna aveva ottenuto i domiciliari.

Alessio Madeddu-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alessio Madeddu, l'omicidio è un rebus: lo chef è stato massacrato con un'accetta

Today è in caricamento