Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca Treviso

Alex Marangon ucciso dopo il rito: caccia all'arma e a nuove tracce di sangue

Mercoledì 10 luglio il sopralluogo dei militari dell'Arma nell'abbazia dove il 25enne di Marcon ha perso la vita. Presenti il pm Valmassoi e l'anatomopatologo Furlanetto: si cercano tracce di sangue, verifiche sul terrapieno da cui Alex potrebbe essere caduto

Sono iniziati di prima mattina, mercoledì 10 luglio, i sopralluoghi dei carabinieri di Vittorio Veneto e polizia scientifica sul luogo dell'omicidio di Alex Marangon, il 25enne di Marcon ucciso nella notte tra sabato 29 e domenica 30 giugno all'abbazia di Santa Bona.

Oltre ai militari dell'Arma erano presenti sul posto il pubblico ministero Giovanni Valmassoi, titolare del fascicolo e il medico anatomopatologo Alberto Furlanetto che aveva eseguito l'autopsia sul corpo del 25enne. I carabinieri del nucleo investigativo e territoriale di Vittorio Veneto sono entrati nell'abbazia con una scala che verrà impiegata nei rilievi e hanno verificato l'altezza del terrapieno sul Piave da cui Alex potrebbe essere caduto. Gli inquirenti sono alla ricerca dell'arma del delitto non ancora trovata, una pietra molto probabilmente con cui il 25enne sarebbe stato colpito più volte.

Il sopralluogo delle forze dell'ordine (Foto da TrevisoToday)

Il sopralluogo disposto stamattina è poi servito per cercare nuove ed eventuali tracce di sangue che potrebbero dare un importante contributo alle indagini sulla ricerca dei responsabili della morte di Alex i cui funerali si svolgeranno sabato 13 luglio alle ore 10 nella chiesa parrocchiale di Marcon. In occasione delle esequie il sindaco Matteo Romanello ha dichiarato il lutto cittadino.

Il sopralluogo delle forze dell'ordine (Foto da TrevisoToday)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alex Marangon ucciso dopo il rito: caccia all'arma e a nuove tracce di sangue
Today è in caricamento