rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Omicidio / Modena

Il giallo di Alice Neri, trovata carbonizzata nella sua auto: chi è il terzo uomo su cui si indaga

Continuano serrate le indagini per ricostruire le ultime ore di vita della 32enne, madre di una bimba piccola, trovata cadavere in provincia di Modena, in una zona isolata di campagna. Decisive per un'eventuale svolta le immagini delle telecamere di sorveglianza

Ci sarebbe una terza persona coinvolta nelle indagini sulla tragica fine di Alice Neri, la donna di Ravarino (Modena) trovata morta nel bagagliaio di un'auto carbonizzata. La 32enne, madre di una bimba di 4 anni, non era tornata a casa e il marito ne aveva denunciato la scomparsa venerdì, poche ore prima del ritrovamento del corpo. La madre della vittima, Patrizia Montorsi, non ha mai creduto al suicidio. "Mia figlia è stata uccisa", aveva detto ai giornali locali. "Lei è molto credente, non si sarebbe mai tolta la vita".

L'ipotesi del coinvolgimento di un'altra persona era iniziata a circolare nel momento in cui gli alibi del marito di Alice, Nicholas Negrini, e dell'amico di San Possidonio con cui si era recata in un bar di Concordia per un lungo aperitivo la sera della scomparsa, per il momento gli unici indagati, come atto dovuto, erano risultati confermati. L'automobile di Alice Neri potrebbe essere stata incendiata in quella isolata stradina di campagna solo poche ore prima del ritrovamento del cadavere. I carabinieri del Ris dopo un sopralluogo nell'azienda di verniciatura dove Alice lavorava da sei mesi, avrebbero indirizzato la loro attenzione su un collega. Per il momento, quelli riguardanti il terzo uomo sono solo sospetti da confermare tramite l'attività investigativa.

Il cellulare di Alice Neri si era spento definitivamente alle 3 della notte tra giovedì e venerdì, poi silenzio totale, fino a venerdì sera quando un testimone ha segnalato l'auto in fiamme. I carabinieri sarebbero riusciti a trovare qualche spunto investigativo setacciando le immagini delle telecamere di sorveglianza sulla strada che conduce al punto in cui l'auto di Alice Neri è stata data alle fiamme. L'ipotesi di un terzo uomo verrebbe supportata dalle immagini, nelle quali si vedrebbe un'altra auto, diversa da quelle di Alice Neri, del marito e dell’amico di San Possidonio, passare in una zona non lontana da quella del ritrovamento del cadavere carbonizzato, in piena notte: una zona solitamente poco frequentata. Le indagini sono condotte nel massimo riserbo. La procura procede per omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Tutte le notizie di oggi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giallo di Alice Neri, trovata carbonizzata nella sua auto: chi è il terzo uomo su cui si indaga

Today è in caricamento