Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Milano

Allarme legionella nel milanese: tre morti in tre giorni

Le tre vittime, tutte anziane, sono decedute a Bresso, in provincia di Milano. Ecco cos'è la legionella e i consigli utili per evitare il contagio

Foto di repertorio

Scatta l'allarme legionella nel milanese. Tre persone sono morte negli ultimi due giorni per la stessa causa e nella zona. Le tre vittime, due anziani di 94 anni e una di 84, sono decedute a Bresso, in provincia di Milano, tutte per le complicanze sopraggiunte dopo aver contratto il batterio. 

Casi in aumento

Salgono a quota 20 i casi di legionella segnalati a Bresso. E' questo l'ultimo bilancio aggiornato. Al conteggio delle infezioni si sono aggiunti due nuovi casi. I pazienti sono stati entrambi portati all'ospedale Niguarda di Milano. Fra i 20 casi segnalati, ci sono anche i tre morti, deceduti all'ospedale Bassini di Cinisello Balsamo. Gli ultimi due contagiati sono stati monitorati al Niguarda tutta la notte e stamattina sono stati dimessi, come già due precedenti infettati. Nell'ospedale milanese restano quindi 7 pazienti ricoverati, su un totale di 11 gestiti finora dalla struttura. L'età media è molto alta, 70 anni. Quasi tutti hanno malattie croniche concomitanti, da diabete a cardiopatie e patologie respiratorie. Le condizioni risultano comunque stabili. I pazienti migliorano, seppur lentamente in alcuni casi. Gli altri contagiati dal batterio sono in carico all'ospedale Bassini, dove fra i ricoverati solo uno sarebbe in condizioni più critiche ma stabili.

Cos'è la legionella

La legionella è un batterio che, nella sua forma più pericolosa può portare anche alla morte. I decessi, nel 90% dei casi di legionellosi, sono provocati dalla Legionella pneumophila. Per evitare il contagio è consigliabile pulire sempre i filtri dei rubinetti, lasciare scorrere l'acqua del rubinetto e aprire le finestre dopo aver fatto una doccia calda. Per un'informazione più completa il Comune di Bresso ha pubblicato un vademecum con tutti i consigli utili.

legionella-infrografica-ansa-2

Il vademecum

Il batterio della legionella non si trasmette :

  • da persona a persona;
  • attraverso gli alimenti;
  • bevendo e utilizzando l'acqua per alimenti.

A titolo precauzionale, evitare le fonti di emissione di acqua vaporizzata:

  • evitare l'utilizzo della doccia ed usare precauzioni nell'utilizzo  dell'acqua calda dei rubinetti di casa;
  • evitare l'utilizzo di vasche con idromassaggio.
  • evitare di irrigare i giardini utilizzando pompe con diffusori a spruzzo;
  • evitare l'impiego di umidificatori riempiti con acqua del rubinetto;
  • evitare l'impiego di acqua di rubinetto per riempire apparecchi di aerosolterapia o ossigenoterapia.

Si segnala che occorre :

  • provvedere alla manutenzione dei punti di emissione di acqua del rubinetto nelle abitazioni attraverso la sostituzione dei filtri o lasciandoli a bagno con anticalcare;
  • lasciar scorrere l'acqua calda prima di utilizzarla, mantenendosi lontano dalla fonte, dopo l'apertura dei rubinetti.

Le persone affette da patologie croniche come diabete, malattie polmonari croniche, cardiopatie, o altre patologie che deprimono il sistema immunitario come tumori, patologie infettive in corso,devono prestare particolare attenzione ad alcuni sintomi: all'insorgere di difficoltà respiratorie e febbre è opportuno che si rivolgano al più presto al proprio medico curante.

Si ricorda che non esiste alcun tipo di rischio per l'utilizzo dell'acqua alimentare e non sussiste alcuna restrizione al normale svolgimento dell'attività nelle varie comunità ( scuole, luoghi di lavoro, ecc) se non per gli utilizzi da evitare così come di sopra indicato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme legionella nel milanese: tre morti in tre giorni

Today è in caricamento