rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Salute

Allarme topi nelle città italiane: è colpa della crisi

L'associazione nazionale delle imprese di disinfestazione denuncia i tagli dei comuni alle attività di prevenzione del fenomeno. E ora aumentano i casi di infestazione. Il problema a Como, Palermo e Roma.

Più topi nelle città italiane a causa della crisi. Non è una battuta. E non è una facile polemica. E' la conseguenza dell'assenza di prevenzione, tagliata da molti comuni e enti pubblici per ragioni di budget.

E così aumentano a dismisura i casi di infestazione, il che comporta un aggravio dei costi del 35-40%.

È l'allarme dell'Associazione nazionale delle imprese di disinfestazione (Anid) sottolineando che "gli ultimi casi registrati a Como, Palermo e Roma non devono sorprendere: la presenza dei topi nelle nostre città sta diventando sempre più frequente".

Come ogni anno infatti - si legge in una nota dell'Anid - con l'arrivo del freddo, i ratti cercano riparo nei luoghi chiusi, diventando indesiderati ospiti di edifici come scuole e ospedali.

Gli interventi di derattizzazione sono aumentati del 66% nelle ultime settimane. I Comuni, le pubbliche amministrazioni ed altri enti stanno richiedendo azioni d'emergenza per eliminare il problema.

L'emergenza però, "avrebbe potuto essere evitata se solo si fosse intervenuti per tempo con ampie operazioni di prevenzione". In tempi di spending review, i tagli di bilancio subiti dalle amministrazioni locali e dagli enti pubblici, non hanno consentito di agire al momento più opportuno.

"Questa scelta si dimostra miope - afferma Francesco Saccone, presidente Anid - infatti adesso, incalzate dall'emergenza, le pubbliche amministrazioni sono costrette a spendere più soldi. Quando inizia l'inverno, l'arrivo dei ratti non è una novità: Anid ha più volte lanciato l'allarme, ma le risposte sono state assolutamente marginali".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme topi nelle città italiane: è colpa della crisi

Today è in caricamento