rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Emergenza maltempo / Forlì-Cesena

Altri 20 milioni per le zone alluvionate, scadenze fiscali rinviate e aiuti ai lavoratori

Il Governo mette in campo i primi provvedimenti per l'Emilia Romagna. Annunciato un primo "pacchetto" di interventi, dal fisco alla giustizia, che sarà discusso nel prossimo Consiglio dei ministri. Cosa è stato deciso

Alluvione in Emilia Romagna: la diretta

Altri venti milioni di euro, che si sommano ai dieci già assegnati, saranno stanziati dal Governo per i territori colpiti dall'emergenza maltempo. Ma non solo: sarà esteso alla provincia di Rimini lo stato di emergenza già deciso lo scorso 4 maggio per Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna e Forlì Cesena. Saranno sospesi i termini per gli adempimenti tributari sia per le persone fisiche sia per le società. Si vuole poi procedere col rinvio termini udienze civili e penali.

Questo quanto deciso nel corso di un vertice tra i ministri Nello Musumeci (Protezione civile), Carlo Nordio (Giustizia), Francesco Lollobrigida (Agricoltura, sovranità alimentare e foreste), Marina Calderone (Lavoro), Luca Ciriani (Rapporti con il Parlamento) e i viceministri Galeazzo Bignami (Trasporti) e Maurizio Leo (Economia). Gli esponenti del Governo hanno incontrato i rappresentanti degli agricoltori per ascoltare le loro esigenze e approntare i primi aiuti. 

Al termine del vertice c'è stata una conferenza stampa per illustrare i provvedimenti presi per fronteggiare l'emergenza. "Si tratta di decisioni suscettibili di integrazione, ma c'è insomma la volontà politica", le parole di Musumeci.

I provvedimenti annunciati oggi saranno formalizzati nel corso del Consiglio dei ministri previsto per il prossimo 23 maggio. Già stamattina la premier Meloni aveva anticipato l'intenzione di un Consiglio ad hoc. Si segue il cosiddetto "modello Ischia" ricalcando, con le differenze dovute alla specificità locali, quanto deciso per i territori alluvionati a novembre 2022.

vertice protezione civile foto fb lollobrigida

"Su richiesta del ministro Lollobrigida - ha spiegato Musumeci - abbiamo incontrato i rappresentanti delle associazioni di categoria del mondo agricolo per raccogliere le loro proposte a fronte dei danni subiti. Abbiamo avuto un colloquio di lavoro in vista del Consiglio dei ministri sui provvedimenti da adottare in materia tributaria e gli adempimenti legati alle imprese per i rapporti con i loro dipendenti. Si è parlato del rinvio dei termini delle udienze civili e penali".

"Siamo davanti a un altro terremoto, infrastrutture demolite"

"Stop agli adempimenti tributari"

"Verranno sospesi i termini per i versamenti tanto per le persone fisiche che per le società, di capitali e persone. Con Calderone valuteremo anche gli adempimenti a carico dei sostituti di imposta. È un work in progress, dobbiamo prima individuare tutti i comuni che saranno interessati e avere una mappatura completa", lo ha detto il viceministro all'Economia, Maurizio Leo.

Emilia Romagna e MArche - foto ministero della Difesa2

Alluvione in Emilia Romagna, il racconto dalle città

"Udienze rinviate"

"Agiremo in armonia con quanto fatto con il decreto Ischia. Prima di tutto, avremo un'interlocuzione con i responsabili degli uffici giudiziari per la verifica dell'agibilità. Poi proporremo il rinvio delle udienze civili e penali e la sospensione dei termini per gli adempimenti sia contrattuali sia delle varie cambiali di tutti gli atti aventi forza esecutiva", lo ha annunciato il ministro per la Giustizia Carlo Nordio.

alluvione in Emilia FotoLaPresse

"Ammortizzatori per gli operai agricoli"

"Sarà necessario verificare con attenzione le realtà interessate dai fenomeni atmosferici e predisporre gli strumenti per accompagnare il percorso nei prossimi mesi, con attenzione agli adempimenti di carattere contributivo. Diamo la possibilità di differire gli adempimenti fiscali e il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali, questo però necessita di un'attenta ricognizione delle aziende e tipologie delle realtà interessate", ha chiarito il ministro per il Lavoro Marina Calderone. "Ragioniamo in più - ha aggiunto - su ammortizzatori sociali per le particolari situazioni e categorie, ad esempio gli operai a tempo determinato nel comparto agricolo. Il tutto in un percorso coordinato con gli uffici e a livello governativo in un provvedimento che sarà oggetto del Consiglio dei ministri".

"Impossibile quantificare i danni adesso"

"Il danno non è quantificabile mentre l'evento è in corso. Ci sono aree allagate dove i danni saranno quantificabili tra anni e altre che avranno una situazione diversa quando non saranno più allagate. La fotografia dei danni reali a evento in corso non è possibile. Va fatta dopo. Oggi abbiamo recepito le considerazioni delle realtà agricole. Vogliamo avviare un ragionamento strategico che ci metta in condizioni di evitare le conseguenze delle alluvioni. Non evitare le alluvioni, che invece è impossibile", ha spiegato il ministro dell'Agricoltura, Francesco Lollobrigida.

"Governo pronto a riferire alle Camere"

"La gravità di quanto accaduto ha colpito anche il Parlamento, abbiamo registrato interventi di tutti i gruppi di solidarietà" alle popolazioni coinvolte. Lo ha detto il ministro per i Rapporti con il Parlamento Luca Ciriani. "Il Governo - ha chiarito - ha intenzione di riferire tempestivamente alla Camera e al Senato su quanto accaduto, ho già informato i presidenti di Camera e Senato. Riteniamo sia meglio attendere qualche giorno" per capire gli sviluppi e "garantire una informativa più completa e dettagliata quando il quadro della situazione sarà più chiaro".

Continua a leggere su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altri 20 milioni per le zone alluvionate, scadenze fiscali rinviate e aiuti ai lavoratori

Today è in caricamento