rotate-mobile
Martedì, 5 Marzo 2024
Fato beffardo / Teramo

Precipita con la jeep nella scarpata e muore: stava festeggiando la guarigione da un altro incidente

Il drammatico destino toccato ad Andrea Cecca, il 28enne deceduto insieme allo zio di 48 anni nel terribile incidente avvenuto sabato scorso in provincia di Teramo. Le due vittime stavano tornano a casa insieme alle rispettive compagne, entrambe ferite, dopo aver trascorso una giornata in montagna

Un ragazzo di 28 anni di Tivoli, Andrea Cecca, ha perso la vita insieme allo zio in un drammatico incidente stradale avvenuto sabato scorso in provincia di Teramo. La jeep sulla quale viaggiavano le due vittime è finita fuori strada per poi precipitare in una scarpata. Per lo zio 48enne, Giorgio Bellachioma, e il nipote non c'è stato nulla da fare, mentre le rispettive compagne sono rimaste ferite. I quattro stavano tornando dalla località sciistica di Prati di Tivo, dove avevano festeggiato la guarigione del 28enne da un altro incidente avvenuto quattro anni fa. Il giovane aveva infatti terminato la riabilitazione iniziata nel 2019, quando rimase sulla sedia a rotelle a causa di un altro schianto. Dopo tanti sforzi Andrea era riuscito a rialzarsi e a tornare anche a camminare con un deambulatore. Una svolta che il ragazzo ha voluto festeggiare con una passeggiata nella nota località sciistica alle pendici del Gran Sasso.

Ma sulla strada del ritorno, il fato aveva in serbo un destino beffardo, un altro tragico incidente, stavolta fatale. Quando i soccorritori sono intervenuti sulla statale provinciale 43, nella zona dei Prati di Tivo, in provincia di Teramo, hanno trovato davanti ai loro occhi una scena terrificante. La Jeep su cui viaggiavano insieme alla compagna dell'uomo, una 52enne e la figlia di lei che di anni ne ha 22 (entrambe residenti nel comune della Città dell'Aria della provincia romana), è letteralmente volata giù da una scarpata facendo un volo di 50 metri. Le due donne, a quanto pare sbalzate fuori dall'auto prima che finisse la sua corsa, sono state trovate vive e sebbene in gravi condizioni non sarebbero in pericolo di vita. Per zio e nipote, invece, non c'è stato nulla da fare con i sanitari e i soccorritori che non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. La dinamica dell'incidente è in fase di ricostruzione, ma probabilmente l'uomo su quel tornante ha perso il controllo del mezzo, una Jeep Renegade, finendo giù nella scarpata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precipita con la jeep nella scarpata e muore: stava festeggiando la guarigione da un altro incidente

Today è in caricamento