Giovedì, 23 Settembre 2021
appalti

Terremoto Anas, dieci arresti per corruzione: c'è anche l'ex sottosegretario Meduri

Le ipotesi di reato sono associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e voto di scambio. In manette cinque dirigenti e funzionari Anas, tre imprenditori, un avvocato e un politico: è Luigi Meduri, membro dell'assemblea nazionale del Pd

"...Se viaggi da solo non fai niente... chi ha cercato di viaggiare da solo, poi l'hanno azzoppato perché, poi, alla fine, non ti riconoscono più...". Erano queste le parole minacciose con le quali i membri di "un vero e proprio sistema criminogeno", specializzato e consolidato da anni, che gestiva un continuo flusso di corruzione in Anas, dicevano alle persone alle quali chiedevano soldi.

Dalle prime ore dell’alba, i finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito dieci ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 5 dirigenti e funzionari di Anas Spa della Direzione Generale di Roma, tre imprenditori, titolari di aziende appaltatrici, un avvocato ed un politico, l'ex Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture nell'allora Governo Prodi (2006-2008) Luigi Meduri. 

In tutto sono 31 gli indagati coinvolti in quella che, per la procura, è una vera e propria cellula criminale, costituita da dirigenti e funzionari "corrotti" di Anas che, abusando dei propri poteri, sono riusciti ad ottenere utilità e provviste corruttive da imprenditori, titolari di società di rilievo nazionale, in alcuni casi con l'intervento di un "colletto bianco" (un avvocato di Catanzaro) e di Meduri. 

COSI' TRUCCAVANO GLI APPALTI - La condotta illecita si è concretizzata nello sblocco di contenziosi in essere con l'Anas, nella velocizzazione delle pratiche inerenti i relativi pagamenti, nella disapplicazione di penali ed, ancora, nel favorire l'ottenimento di fondi illecitamente maggiorati.

ALL'ANAS UN VERO E PROPRIO SISTEMA CRIMINALE: IL VIDEO

CORRUZIONE-11

LA DAMA NERA - Figura centrale e principale indagata è la 'Dama Nera', Antonella Accroglianò, dirigente responsabile del coordinamento tecnico amministrativo di Anas, vero e proprio deus ex machina all'interno del sodalizio, che ha visto la fattiva compartecipazione di ulteriori dirigenti dell'azienda pubblica, come Oreste De Grossi (dirigente responsabile del servizio incarichi tecnici della condirezione generale tecnica), Sergio Serafino Lagrotteria (dirigente area progettazione e nuove costruzioni) nonché di funzionari "di rango minore", come Giovanni Parlato e Antonino Ferrante, tutti oggi destinatari di provvedimento restrittivo.

LUIGI MEDURI - Pienamente coinvolto nell'illecito rapporto di corruttela è Luigi Meduri, arrestato oggi, già presidente della Regione Calabria, dal gennaio 1999 all'aprile 2000, deputato nella XIV legislatura (Margherita Ulivo) e, dal maggio 2006 al maggio 2008, sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture del Governo Prodi, "oscuro faccendiere - spiega la Gdf - che, da un lato, ha sostenuto le illecite richieste degli imprenditori e dall'altro, si è interessato per la corresponsione di indebite provviste di denaro da parte di questi ultimi in favore dei dipendenti pubblici investigati ed ha anche richiesto alla Dama Nera l'assunzione e/o la riconferma dell'impiego in Anas di due geometri di suo diretto interesse".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto Anas, dieci arresti per corruzione: c'è anche l'ex sottosegretario Meduri

Today è in caricamento