Martedì, 26 Gennaio 2021
Milano

Arrestata foreign fighter a Milano, era scappata in Siria portando con sé i figli piccoli

La donna aveva abbandonato il marito ed era andata in Siria. Su di lei pendeva un mandato di cattura per terrorismo internazionale

Una donna è stata arrestata a Milano dalla Digos, su mandato internazionale emesso dalla corte d'Appello di Parigi, perché accusata di essere una foreign fighter. 

Lo scorso marzo la donna, un 35enne cittadina marocchina neutralizzata italiana, avrebbe lasciato il marito italiano e sarebbe scappata dalla casa di famiglia a Juan Les Pins, in Costa Azzurra, insieme ai tre figli minori con l'obiettivo di recarsi in Siria. 

Il marito aveva denunciato la scomparsa e così erano partite le indagini della polizia francese. La donna era stata successivamente localizzata al confine tra Turchia e Siria, e poi nella provincia siriana di Idlib, controllata fino a qualche mese dagli Al-Nusra e oggi terreno di battaglia con i reduci dell'ormai ex stato islamico. 

Dopo mesi di silenzio, la 35enne si è rifatta viva a novembre, contattando il marito e annunciando di voler tornare in Europa. Espulsa dalla Turchia, la donna ha fatto perdere nuovamente le proprie tracce finché gli uomini della Digos non l'hanno rintracciata a Milano e arrestata. 

Ora si trova nel carcere di San Vittore. Deve rispondere sia di terrorismo internazinale sia di essersi sottratta, in quanto madre, ai propri obblighi nei confronti dei tre figli minori, che nel frattempo sono stati affidati al padre. 

La notizia su MilanoToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestata foreign fighter a Milano, era scappata in Siria portando con sé i figli piccoli

Today è in caricamento