Martedì, 21 Settembre 2021
Corruzione

Grandi opere, 30 arresti per Tav Milano-Genova e A3: "Anche escort in cambio di appalti"

Gli inquirenti sospettano casi di corruzione per ottenere appalti nell'ambito dei lavori per la realizzazione di varie opere pubbliche. Tra gli arrestati c'è Giandomenico Monorchio, figlio dell'ex ragioniere generale dello Stato Andrea. Indagato anche il figlio dell'ex ministro Lunardi

Foto Ansa

Corruzione nelle grandi opere, dall'alta velocità alle autostrade. Trenta persone sono finite in manette in regime di custodia cautelare per associazione per delinquere, corruzione e tentata estorsione. Gli arresti sono scattati all'alba in diverse Regioni italiane

Fra le grandi opere nel mirino di carabinieri di Roma e della Guardia di Finanza di Genova ci sono la lina ferroviaria dell'Alta Velocità Milano-Genova, una parte dell'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e la PEOPLE MOVER di Pisa, l'impianto a fune per mettere in collegamento l'aeroporto Galileo Galilei con la stazione centrale della città. Tra gli arrestati c'è anche Giandomenico Monorchio, imprenditore e figlio dell'ex ragioniere generale dello Stato Andrea. Risulta invece indagato a piede libero Giuseppe Lunardi, figlio dell'ex ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture. 

Gli inquirenti sospettano casi di corruzione per ottenere appalti nell'ambito dei lavori per la realizzazione di varie opere pubbliche. In particolare, dall attività investigativa è emerso che in occasione delle gare indette dal General Contractor, alcuni dirigenti, per pilotare l assegnazione dei lotti ad alcune società ed escluderne altre, avrebbero fatto in modo, in alcuni casi, che offerte "anomale" divenissero regolari in violazione ai principi della "par condicio". In altri casi, invece, si sarebbero avvalsi della compiacenza di concorrenti di comodo, in realtà non interessati all aggiudicazione della gara, per indirizzare direttamente l assegnazione all unico concorrente interessato.

LA TAV MILANO-GENOVA -  In merito agli appalti sulla Tav Milano-Genova ed A3 il gip di Roma, Gaspare Sturzo, parla di "una gravissima violazione delle regole della libera concorrenza includendo nelle attività solo le imprese disponibili ad elargire commesse e favori". 

Il gip aggiunge poi che si "violano sistematicamente le procedure di sicurezza e di qualità delle opere realizzate grazie alla compiacenza della direzione dei lavori che continua ad essere gestita in ambito Terzo Valico Cociv Pisamover e probabilmente Reggio Calabria Scilla sepa dalla società Sintel di Giandomenico Monorchio".

ESCORT IN CAMBIO DI APPALTI - Oltre a Roma si è mossa la Procura di Genova. L'inchiesta affidata al Gico della guardia di Finanza ha portato ai domiciliari 14 indagati, tra cui 4 già presenti nell'inchiesta di Roma. Nell'ordinanza del gip Cinzia Perroni, si fa riferimento anche ad un presunto giro di escort: "Ricci Marciano nella qualità di amministratore di fatto della società Europea 92 Spa organizzava e pagava un incontro tra Giulio Frulloni e una escort e successivamente gli prometteva l'organizzazione di un analogo incontro affinché Frulloni, in qualità di coordinatore delle costruzioni del consorzio Cociv, aiutasse la società Europea 92 e Cipa Spa a vincere la gara ad inviti indetta dal Cociv per l'appalto dei lavori di costruzione della galleria Vecchie Fornaci".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grandi opere, 30 arresti per Tav Milano-Genova e A3: "Anche escort in cambio di appalti"

Today è in caricamento