Giovedì, 23 Settembre 2021
Il caso

Tangenti nella sanità, arrestato il vice presidente della Lombardia

Mario Mantovani (Forza Italia) è accusato di concussione, corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti. In carcere altre due persone, tra cui un dipendente della Regione. Indagato anche l'assessore Garavaglia. Il Movimento 5 stelle annuncia una mozione di sfiducia per Maroni

MILANO - Mario Mantovani, vice presidente della regione Lombardia ed ex assessore alla Sanità, è stato arrestato con l'accusa di concussione, corruzione aggravata e turbata libertà d'incanti. Mantovani è stato senatore dal 2008 (e sottosegretario ai Trasporti nel governo Berlusconi) ed è consigliere regionale dal 2013. Era inoltre sindaco della sua città, Arconate.

Sanitopoli lombarda: assolto il viceministro Garavaglia, condannato l'ex vicepresidente Mantovani

Altre due persone sono state arrestate: Giacomo Di Capua, 34 anni, dipendente della regione e collaboratore di Mantovani, e Angelo Bianchi, un ingegnere del provveditorato alle opere pubbliche per la Lombardia e la Liguria. Mantonvani è attualmente assessore ai rapporti con l'Ue. Il Movimento 5 Stelle sta predisponendo una mozione di sfiducia all'intera giunta regionale e chiede che si torni immediatamente a votare. Stessa richiesta da parte del Partito democratico e di Sinistra ecologia e libertà.

Come riporta MilanoToday, Mantovani avrebbe fatto pressioni ad un dirigente del provveditorato alle opere pubbliche per fare riottenere ad Angelo Bianchi (sotto inchiesta a Sondrio) il ruolo di responsabile unico di un procedimento. Ma risponde anche di turbative d'asta su una serie di gare, tra cui la ristrutturazione di scuole del comune di Arconate, di cui era sindaco, e la gestione del trasporto di malati dializzati. In cambio di conferimenti di incarichi ad un ingegnere, avrebbe ottenuto lavori gratuiti di ristrutturazione di immobili e case di riposo di sua proprietà. E sono dodici le persone indagate, tra cui Massimo Garavaglia, assessore regionale al bilancio. L'arresto di Mantovani è stato eseguito nella sua abitazione di Arconate (Milano). 

L'INCHIESTA - I fatti sono avvenuti tra atti avvenuti tra il 6 giugno 2012 e il 30 giugno 2014. L'inchiesta ("Operazione Entourage"), condotta dalla guardia di finanza e dal pm Giovanni Polizzi, nasce da un esposto presentato da Alfio Leonardi, dipendente del ministero dei trasporti in servizio al provveditorato alle opere pubbliche della Lombardia e della Liguria. L'ordinanza di arresto è stata firmata dal gip Stefania Pepe, che ha accolto la richiesta presentata dal pm mesi fa. Oltre agli arresti risultano dodici indagati, tra cui l'assessore regionale al bilancio Massimo Garavaglia, esponente della Lega Nord. Sono state eseguite anche perquisizioni e sequestri di documenti su altre ipotesi di reato (abuso d'ufficio e turbativa d'asta) nelle sedi delle province di Milano, Pavia, Varese, Vercelli e Rimini, negli uffici degli indagati in regione e in 9 abitazioni e diciassette enti o società. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tangenti nella sanità, arrestato il vice presidente della Lombardia

Today è in caricamento