Lunedì, 20 Settembre 2021
Truffe

"Faccio una telefonata", e sparisce con 12mila euro: arrestato il 're della truffa'

Fermato un macedone di 38 anni ricercato in mezza Europa. Era specializzato nelle truffe legate alla compravendita di auto: l'ultimo colpo lo ha messo a segno in una concessionaria di Orzinuovi

Immagine d'archivio

A torto o a ragione, ma probabilmente a ragione, lo chiamano addirittura il 're della truffa'. Si tratta, scrive BresciaToday, di un macedone di 38 anni ricercato in mezza Europa. Specialista nelle truffe legate alla compravendita di auto, è stato finalmente arrestato: a Monzambano, nel Mantovano, dove è stato fermato dai carabinieri della stazione di Leno.

Una bella soddisfazione per i militari bresciani, che hanno chiuso il cerchio di una fuga che proseguiva da tempo. Senza mai stare fermo: ricercato e già noto alle forze dell'ordine italiane ed europee, e forse anche oltre, continuava imperterrito a fare il suo mestiere. Truffare la gente.

Il suo stile era sempre lo stesso: pare che negli anni sia riuscito a truffare per decine e decine di migliaia di euro. L'ultima in ordine di tempo pare sia andata in scena proprio nel Bresciano: un colpo da 12mila euro (in contanti) in una concessionaria di Orzinuovi.

Lui si fingeva un intermediario: vestito bene, modi educati e convincenti, una bella parlantina. In questo caso aveva convinto sia la concessionaria che quattro acquirenti interessati (di nazionalità polacca) della compravendita di una Volkswagen Golf usata.

Un affare da 12mila euro: peccato che al momento della firma (lui avrebbe dovuto incassare i soldi e tenersi solo una percentuale, il resto ovviamente alla concessionaria) sia riuscito ad allontanarsi con un banale trucchetto. Che però ha funzionato.

"Devo fare una telefonata, torno subito", avrebbe detto ai quattro compratori e al titolare della concessionaria bresciana. Quanto basta per allontanarsi, saltare in macchina e dileguarsi. Lasciando tutti quanti a bocca asciutta.

Specialista della truffa, e dunque della falsificazione: era già stato beccato in passato per aver falsificato documenti. Documenti falsi con cui riusciva a vivere tante vite diverse: le sue tracce, oltre che nella Bassa, negli ultimi mesi sono arrivate fino al Piemonte, al Garda e nel Veronese.

La notizia su BresciaToday

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Faccio una telefonata", e sparisce con 12mila euro: arrestato il 're della truffa'

Today è in caricamento