rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Cronaca Bari

Terrorismo, arrestato a Bari un foreign fighter ceceno: "È dell'Isis, ha combattuto in Siria"

Nell'ambito delle stesse indagini due fratelli albanesi di 26 e 23 anni, residenti a Potenza, e una donna russa di 49 che viveva a Napoli, sono stati espulsi per motivi di sicurezza nazionale

Gli uomini della Digos di Bari non hanno dubbi: l'uomo di 38 anni di nazionalità cecena, arrestato nel capoluogo pugliese, è un affiliato all'Isis. Lo hanno dimostrato le indagini da cui è emerso che il 38enne - accusato di associazione con finalità di terrorismo internazionale e istigazione a commettere delitti - non solo nella notte tra il 3 e il 4 dicembre del 2014 era tra gli assalitori della "Casa della stampa" - sede delle principali emittenti TV locali - e di una scuola di Grozny (in Cecenia), ma anche militante in gruppi combattenti per il jihad.

TERRORISMO, ANCORA ESPULSIONI

Nell'assalto di tre anni fa morirono 19 persone e l'attentato fu rivendicato dal sedicente "Emirato del Caucaso". Le indagini hanno portato anche all'espulsione di tre persone - una 49enne russa domiciliata a Napoli e due fratelli albanesi di 23 e 26 anni che vivevano a Potenza - che sarebbero stati indottrinati del 38enne. Nello specifico, l'uomo spingeva la donna al martirio da compiersi mediante attacchi kamikaze.

INDAGINI PARTITE IN BELGIO

Gli accertamenti investigativi si sono avvalsi della collaborazione degli inquirenti belgi: proprio in Belgio infatti, il 38enne ceceno era considerato membro di una cellula di spicco di una rete di reclutatori e combattenti jihadisti. Verifiche sono state inoltre compiute dai finanzieri del Gico - assieme ai poliziotti - sui finanziamenti terroristici.

CHI E' ELI BOMBATELIEV

Eli Bombateliev, il 38enne foreign fighters arrestato nell'ambito dell'operazione "Caucaso connection" finalizzata alla prevenzione e contrasto del fenomeno dei foreign fighters ceceni dell'Isis, in transito in Italia e in collegamento con terroristi in Siria ed in altri stati dell'Unione Europea, oltre che con cellule jihadiste caucasiche. Le indagini hanno evidenziato la sua militanza in gruppi combattenti in Siria nelle fila dell'Isis tra il 2014 e il 2015.

INDAGINI DIGOS E ANTITERRORISMO

L'attività investigativa è stata svolta dalla Digos, coordinata dal procuratore distrettuale di Bari e dell'Antiterrorismo, mentre tutti gli accertamenti relativi al finanziamento del terrorismo sono stati eseguiti dal Gico della Guardia di Finanza. Il gip del tribunale di Foggia, dopo aver convalidato il fermo, ha disposto nei confronti del ceceno la custodia cautelare in carcere. All'uomo, segnalato dall'Aisi, si è arrivati indagando sui foreign fighter ceceni dell'Isis in transito in Italia e in collegamento con i terroristi, sia in Siria sia negli altri paesi europei e del Caucaso.

Allerta terrorismo, operazione "strade sicure" (Ansa)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorismo, arrestato a Bari un foreign fighter ceceno: "È dell'Isis, ha combattuto in Siria"

Today è in caricamento