Corruzione, arrestati l'ex consulente della Lega Paolo Arata e il figlio

L'ex deputato di Forza Italia ed ex consulente della Lega per l'energia e il figlio Francesco sono accusati di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni

Paolo Arata in un fermo immagine tratto da un video pubblicato su Youtube. ANSA/ YOUTUBE

Dopo mesi di indagini all'alba di oggi sono stati arrestati Paolo Arata, l'ex deputato di Forza Italia ed ex consulente della Lega per l'energia, e il figlio Francesco. I due sono accusati di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni. Secondo gli investigatori della Dda di Palermo Arata, padre e figlio, sarebbero soci occulti dell'imprenditore trapanese dell'eolico Vito Nicastri, anche lui finito in carcere con il figlio Manlio. Nicastri - sempre secondo gli inquirenti - sarebbe da considerare "vicino" al boss latitante Matteo Messina Denaro. Agli arresti domiciliari è finito anche un dirigente regionale.

La svolta giudiziaria che ha portato all'arresto di Paolo Arata e del figlio è arrivata dopo le perquisizioni dello scorso 17 aprile dalle quali sarebbero emersi riscontri importantialle ipotesi d'accusa, rappresentata dal procuratore aggiunto Paolo Guido e dal pm Gianluca De Leo. L'ordinanza è stata emessa dal gip Guglielmo Nicastro. Nelle scorse ore ci sono stati anche diversi sequestri di società attive nel settore dell'eolico.

Per il gip Guglielmo Nicastro, che ha firmato la misura cautelare, negli affari degli impianti eolici tra Arata e Nicastri ci sarebbe un "elevato rischio di infiltrazioni di Cosa nostra".

Chi è Arata, arrestato oggi

Arata, ex deputato di Forza Italia, da decenni attivo in aziende del settore eolico e mini-eolico, del fotovoltaico e del bio-metano, nel luglio 2017 era stato invitato da Salvini a parlare al convegno programmatico della Lega che si tenne a Piacenza accreditandolo con tre tweet che lo presentavano come uno degli autori del programma energia e ambiente del Carroccio. Arata disse che bisognava "riprendere in mano la questione energetica", tanto che Salvini stesso lo accreditò alla presidenza dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Nomina che poi non ci fu.

Morra: "Corruzione e mafia vanno combattute con la massima durezza"

"Arrestato Arata. Corruzione e mafia vanno combattute con la massima durezza". Lo scrive in un tweet il presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra commentando l'arresto di Paolo Arata, l'ex deputato di Forza Italia ed ex consulente della Lega per l'energia. "Ora in Regione Sicilia chi aveva dato concessioni per i 2 parchi eolici in questione con grande leggerezza dovrà fornire risposte!", sottolinea Morra.

Siri, gli Arata, la Lega e gli affari dell'eolico: quello che sappiamo dell'inchiesta per corruzione 

Una tranche dell'inchiesta nei mesi scorsi finì a Roma e aveva coinvolto l'ex sottosegretario alle Infrastrutture leghista Armando Siri. Secondo la Dda Siri sarebbe stato il destinatario di una tangente da 30 mila euro in cambio di un emendamento (che poi non venne approvato) nell'ambito di un affare sull'eolico. Accuse che Siri ha sempre respinto con forza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni, c'è una buona notizia sull'età di vecchiaia

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 9 novembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Nuovo maxi concorso: oltre 300 posti a tempo indeterminato, si cercano laureati e diplomati

  • Tasse sulla casa, arriva la nuova Imu (e scompare la Tasi): cosa cambia

  • Tasse, chi rischia di pagare di più con la nuova Imu

Torna su
Today è in caricamento