Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca La Spezia

Affidano figlia al vicino di casa, ma quel "nonno" nascondeva un terribile segreto

I genitori nel mettere a letto la piccola si erano accorti di alcune macchie di sangue sugli indumenti intimi della bambina. Poi la bimba ha iniziato a raccontare a mamma e papà quello che le faceva il 'nonno', come l'uomo veniva chiamato da lei e dal fratellino

Un uomo di 65 anni è stato arrestato dai carabinieri di La Spezia con l'accusa di aver compiuto atti sessuali aggravati su una bambina, minore di 10 anni.

Secondo quanto ricostruito dalle indagini dei militari della compagnia di Sarzana, coordinati dalla Procura della Repubblica spezzina, la bambina era affidata - quando i genitori erano impegnati al lavoro - all'uomo, un vicino di casa sposato e amico di famiglia.

Le indagini erano partite nel febbraio scorso quando, una sera, i genitori nel mettere a letto la piccola si erano accorti di alcune macchie di sangue sugli indumenti intimi della bambina. Chiedendo con delicatezza che cosa fosse accaduto la bimba aveva raccontato a mamma e papà che il 'nonno', come l'uomo veniva chiamato da lei e dal fratellino, quando rimanevano soli la palpeggiava e la baciava. Gli accertamenti eseguiti dal perito genetico forense, nominato dal magistrato, avevano permesso di rinvenire negli slip della bambina sporchi di sangue e sui leggins, sequestrati dai carabinieri, tracce di Dna riconducibili all'uomo.

La consulenza tecnica sui dispositivi mobili in uso al 65enne facevano emergere inoltre immagini di rapporti sessuali tra persone alcune delle quali con minorenni e profili con cui lo stesso adescava minorenni. Il gip di Spezia Fabrizio Garofalo, su richiesta del pubblico ministero Federica Mariucci, vista la gravità del quadro indiziario ha emesso nei confronti dell'uomo un'ordinanza di applicazione di misura cautelare agli arresti domiciliari.

I carabinieri Domenica 23 giugno hanno rintracciato il 65enne in Campania, presso dei parenti, e lo hanno arrestato trasferendolo successivamente presso la residenza in regime di arresti domiciliari con l'applicazione del braccialetto elettronico.

braccialetto elettronico-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affidano figlia al vicino di casa, ma quel "nonno" nascondeva un terribile segreto

Today è in caricamento