Mercoledì, 23 Giugno 2021
L'omicidio di Aurelia Laurenti / Pordenone

L'avvocatessa che ha rinunciato a difendere l'uomo che ha ucciso la compagna a Roveredo

Giuseppe Forciniti aveva indicato Rosanna Rovere come sua legale di fiducia, ma lei ha fatto sapere di non poter accettare l’incarico “dopo una vita e una carriera spesa a promuovere la tutela dei diritti delle donne”

Rosanna Rovere (foto www.avvocatorosannarovere.it)

“Non posso accettare l’incarico dopo una vita e una carriera spese a promuovere la tutela dei diritti delle donne”. Con queste parole l’avvocatessa Rosanna Rovere ha rinunciato all’incarico di difensore di Giuseppe Forciniti, il 33enne che ha confessato di aver ucciso stanotte la compagna Aurelia Laurenti a Roveredo in Piano, in provincia di Pordenone. 

Già presidente dell’Ordine degli avvocati della provincia di Pordenone e da sempre impegnata nella difesa dei diritti delle donne, Rovere era stata chiamata dalla Questura in quanto indicata come legale di fiducia dallo stesso Giuseppe Forciniti. 

“Non sono serena, non posso accettare l'incarico - ha fatto sapere Rovere all’agenzia Ansa - l'indagato mi conosceva e ha indicato me quando gli è stato chiesto chi dovesse patrocinare la sua difesa, ma non posso accettare l'incarico. In questi minuti si sta procedendo a indicare l'avvocato d'ufficio: io non posso assumere le difese di quest'uomo, dopo una vita e una carriera spese a promuovere la tutela dei diritti delle donne”. 

L’omicidio di Aurelia Laurenti a Roveredo

Aurelia Laurenti aveva 32 anni ed era madre di due bambini di 8 e 3 anni, che avrebbe avuto da Forciniti. I piccoli non erano in casa al momento della tragedia, perché si trovavano dai nonni materni in un paese poco distante. Originario di Cosenza, Forciniti si era trasferito in Friuli anni fa e dal 2013 viveva a Roveredo, nella villetta dove attorno alla mezzanotte Aurelia Laurenti è stata uccisa. 

Forciniti si è presentato questa notte in Questura a Pordenone con le mani sporche di sangue, poi ha confessato di aver ucciso la compagna a coltellate. Gli agenti si sono recati nell’abitazione dove era accaduto l’omicidio e hanno trovato il corpo ormai senza vita di Aurelia Laurenti. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario pluriaggravato

omicidio aurelia laurenti ansa-2

La polizia davanti all’abitazione dove è stata uccisa Aurelia Laurenti a Roveredo in Piano, in provincia di Pordenone (Ansa/Lorenzo Padovan)  

L'uomo che uccide a coltellate la compagna e poi si costituisce a Roveredo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'avvocatessa che ha rinunciato a difendere l'uomo che ha ucciso la compagna a Roveredo

Today è in caricamento