Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Agrigento

Sanità, tragedia sfiorata a Canicattì: feto dato per morto era vivo

Si trova ricoverato da sabato, a Palermo, in terapia intensiva neonatale, il bimbo nato prematuro da una coppia di immigrati nigeriani, approdati via mare e sbarcati sull'isola di Lampedusa

Si trova ricoverato da sabato, a Palermo, in terapia intensiva neonatale, il bimbo nato prematuro da una coppia di immigrati nigeriani, approdati via mare e sbarcati sull'isola di Lampedusa.

La storia è a dir poco drammatica. Il feto, dato per morto da un medico di turno per poi l'indomani da una nuova ecografia diagnosticare la presenza di un debole battito cardiaco. Da qui, non più l'aborto come era stato previsto ma la disposizione di un parto urgente.

Il bimbo, nato premarturo, con il peso di 1,5 kg è stato subito trasferito in eliambulanza dall'ospedale "Barone Lombardo" di Canicatti a uno degli ospedali di Palermo dove ancora oggi è ricoverato.


La direzione sanitaria del Barone Lombardo inizia a interrogarsi dicendo che "sarà un'eventuale indagine interna a verificare i fatti racconati", mentre nella comunità in cui è ospite la ragazza nigeriana, preferiscono non commentare. (da Agrigento Notizie)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, tragedia sfiorata a Canicattì: feto dato per morto era vivo

Today è in caricamento