Banche, il suicidio di Vicenza riapre la ferita: "E' un dramma senza fine"

Pensionato si toglie la vita travolto dal crollo dei titoli su cui aveva investito tutto. Tremila sos solo nel Nord-Est al numero a disposizione 24 ore su 24 di imprenditori e risparmiatori in crisi

Dal 2012 tremila le chiamate di Sos al 800 334343

Ha perso tutto e si è tolto la vita: è successo ad un pensionato 69enne che aveva investito i sui risparmi con la banca Popolare di Vicenza, poi il crollo del valore dei titoli da 60 euro a zero e la disperazione. Antonio Bedin ha provato a contattare alcuni avvocati, a partecipare ad assemblee insieme agli altri risparmiatori, poi il buio.
Il dramma che ha avuto come teatro il Sud-Est vicentino è lo specchio di una situazione che riguarda tanti investiti da una crisi economica e finanziaria che ha finito per terremotare le sicurezze di questa provincia così ricca e operosa. "Quando trovano la notifica di Equitalia o una chiamata inattesa da parte del commercialista è come se venissero investiti da una colata di cemento" racconta Emilia Laugelli, responsabile del servizio regionale "In Oltre" che gestisce il numero verde anti-suicidi creato dalla Regione Veneto su espresso decreto del governatore Zaia.

"IO NON SO PIU' COSA FARE" - 800 334343 è il numero verde a cui si sono rivolti più di 3000 tra imprenditori e risparmiatori che hanno visto la propria vita sconvolta per via della crisi finanziaria o per un investimento "sicuro" ma diventato ben presto un maremoto. "Chiamano sopratutto la sera, quando chiusi nella loro insicurezza si trovano soli a dover affrontare l'incubo in cui sono sprofondati -  spiega Lugelli  a Today.it - un servizio gratuito e unico in Italia creato nel 2012 per gli imprenditori in difficoltà e che dallo scorso dicembre si è aperto anche ad accogliere le richieste di aiuto degli investitori che hanno scommesso loro malgrado su banche poi finite con in conti in profondo rosso".

NORD-EST, EPICENTRO DEL TERREMOTO - "Vicenza, Padova e Treviso, sono queste le province epicentro di un vero e proprio sisma che mette in crisi le sicurezze cercate in una vita intera - spiega ancora Laugelli, psciologa come le 12 operatrici che rispondono 24 ore su 24 al numero verde - In quattro anni, dal Giugno 2012 quando è stato istituito il servizio, abbiamo ricevuto oltre 3000 chiamate e preso in carico 400 persone sull'orlo dell'abisso. Ad ogni chiamata gli operatori esperti in psciologia emergenziale e problemi burocratici amministrativi, assegnano un numero da 1 a 5 nella scala di rischio: per le valutazioni fino al terzo grado vengono forniti consigli e un'assistenza telefonica, a volte basta un semplice 'mi richiami quando vuole'. Molti sono coloro che tengono il bigliettino con il numero in tasca nella speranza di non dovere mai usarlo".

L'ASSISTENZA PSICOLOGICA -  "Nei casi in cui si valuta un rischio concreto è l'operatore a chiamare le forze dell'ordine, così come ad assegnare alle persone in difficoltà un operatore dedicato individuato tra gli psicologi operanti nelle provincia. Ma il cosidetto rischio 5, quello più grave e di pericolo di suicidio imminente, ha coinvolto casi che per fortuna abbiamo contato sulle dita di una mano, spiega Laugelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

RISPARMIATORI DA SALVARE - Se il servizo, unico in Italia, è attivo da 4 anni, con un costo per la Regione Veneto di 160 mila euro l'anno, a mettere in allarme gli operatori è il caso dei risparmiatori travolti dalla crisi degli istituti di credito. L'allargamento del numero verde anche alle vittime delle truffe del risparmio gestito è infatti un servizio nuovo e non ancora pubblicizzato ma che ha già raccolto decine di chiamate. "Sono già oltre 40 le chiamate arrivate ai nostri telefoni da parte di pensionati o semplici correntisti travolti da una mal riposta fiducia nello sportellista: hanno investito in azioni il proprio Tfr o le proprie pensioni se non quando la propria casa, trovandosi con in mano solo una bicicletta - spiega la responsabile del servizio supervisionato dall'Usl 4 dell'alto vicentino - "Un maremoto a cui i nostri psicologi rispondono come si risponde nella rielaborazione di un lutto o di un trauma familiare. Ci sono persone che hanno perso tutto, ma che non per questo devono perdere la fiducia e continuare a vivere". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Angelica Donati, figlia di Milly Carlucci, ottiene una carica istituzionale da record

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 1 agosto 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Elezioni regionali 2020: tutti gli ultimi sondaggi e le ultime notizie

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 4 agosto 2020

  • Uomini e Donne, l'ex tronista Ludovica Valli: "Sto male, analisi costanti ma mi fido dei medici"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento