rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Il video / Treviso

Barbara morta in un incidente rimproverava il fidanzato su Tik Tok: "Non correre"

La giovane aveva paura della velocità. Alla guida della Bmw che sabato sera si è schiantata contro un platano c'era il fidanzato di una sua amica, la 19enne Eralda Spahillari, anche lei deceduta nell'impatto

Solo poche settimane prima dell'incidente mortale che le è costato la vita, la 17enne Barbara Brotto aveva pubblicato un video animato su Tik Tok nel quale raccomandava al suo fidanzato di non correre in auto. Nel filmato si vede una macchinina blu che sta per sorpassarne un'altra rossa e compie varie peripezie. "Mamma mia, che paura" scriveva la giovane immaginando "un tipico tragitto in macchina con il mio moroso". Nella sua storia la 17enne rimproverava il fidanzato dicendogli: "Non salirò mai più con te in auto", salvo poi perdonarlo.

Un video che alla luce di quanto accaduto fa molto riflettere, anche se va detto, a scanso di equivoci, che la Bmw 420 che sabato notte è finita contro un platano nel Trevigiano non era guidata dal fidanzato della 17enne, bensì da un altro giovane, Mikele Tatani, fidanzato dell'altra ragazza morta, Eralda Spahillari, che ora si trova ricoverato in rianimazione all'ospedale Ca' Foncello di Treviso.

Le condizioni del giovane sarebbero molto gravi: i medici stanno facendo il possibile per salvargli la vita. In ospedale, a Mestre, è ricoverato anche Daniel Castelli, il 18enne fidanzato di Barbara Brotto. Domenica è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico. A quanto sembra le sue condizioni sarebbero in netto miglioramento. 

L'incidente è avvenuto lungo un rettilineo. Dietro la macchina che si è schiantata viaggiava una Volkswagen Polo, in cui c'erano quattro persone che sembra avrebbero dovuto passare la serata insieme alle vittime dell'incidente. Secondo una prima ricostruzione la Bmw, semidistrutta per l'impatto contro un platano, avrebbe sorpassato la Polo a una velocità considerevole, ben oltre i limiti che in quel tratto sono di 50 km/h. 

L'incidente avvenuto nel Trevigiano

La Procura di Treviso si appresta ad aprire un'inchiesta per fare luce sul caso. L'ipotesi di reato nei confronti del conducente della Bmw 420 sarebbe di omicidio stradale. La stessa ipotesi potrebbe essere estesa anche al conducente della Polo che però rischia di essere accusato anche di omissione di soccorso in quanto non si sarebbe fatto trovare sul luogo dello schianto. Dopo aver chiamato il Suem 118 e lanciato l'allarme, il 18enne al volante dell'utilitaria si sarebbe infatti allontanato dal luogo dei fatti insieme agli altri occupanti dell'auto.

La fuga dopo lo schianto: la Procura indaga gli amici di Barbara e Eralda per omissione di soccorso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barbara morta in un incidente rimproverava il fidanzato su Tik Tok: "Non correre"

Today è in caricamento