Sabato, 25 Settembre 2021
La denuncia dell'infettivologo

Matteo Bassetti aggredito da un no-vax sotto casa: "Non mi sento al sicuro"

L'infettivologo è stato inseguito e minacciato nei pressi della sua abitazione genovese domenica sera. Immediata la chiamata alla polizia e la denuncia, ma si tratta dell'ennesimo episodio e la preoccupazione sale

“Spero che quanto accaduto a me e alla famiglia, terribile, serva per evitare che succeda ancora e ad altri. Non esiste che una piccola minoranza possa mettere in scacco un paese intero che è totalmente a favore dei vaccini”. Matteo Bassetti è ancora sotto choc dopo l’aggressione di cui è stato vittima domenica sera a Genova. L’infettivologo genovese è stato avvicinato da un uomo contrario ai vaccini anti coronavirus, che lo ha inseguito per diversi minuti e anche minacciato.

Stando a quanto riferito da Bassetti e da alcuni testimoni presenti sulla scena, l’infettivologo stava rientrando a casa quando ha incrociato uno sconosciuto che ha iniziato a inseguirlo e a minacciarlo: “Ci ucciderete tutti con questi vaccini - avrebbe detto l’uomo - Ve la faremo pagare”. Bassetti ha provato a farlo allontanare e ad allontanarsi, ma all’ennesima minaccia ha annunciato che avrebbe chiamato la polizia. Pochi minuti e sul posto è arrivata una volante che ha fermato l’uomo dopo un debole tentativo di fuggire.

Identificato in un 46enne, l’aggressore è stato portato in questura e denunciato. Lo stesso Bassetti, insieme con un’altra persona presente al momento dell’aggressione, è stato accompagnato in questura per rendere la sua testimonianza e firmare la denuncia coadiuvato dal personale della Digos. La tensione è salita quando il numero di telefono personale dell'infettivologo ha iniziato a circolare su alcune chat, aumentando la preoccupazione per la sua incolumità.

“La situazione sta ormai diventando insostenibile, e faremo tutto ciò che è necessario per tutelarci - aggiunge a Today Rachele De Stefanis, avvocato di Bassetti - È l’ennesimo episodio, già in passato abbiamo sporto denuncia per minacce e insulti arrivati via mail e chat. L’uomo che ha inseguito e minacciato pesantemente il professor Bassetti non ha desistito sino a quando non è arrivata la polizia. È necessario che la magistratura intervenga, non si sente più sicuro”.

"Chiedo la tutela dello Stato nei confronti delle persone che minacciano, vorrei che lo Stato punisse queste persone - ha quindi aggiunto Bassetti all'Ansa - Non voglio scorte, voglio che lo Stato punisca le persone che minacciano. Vengo minacciato da dicembre, da quando è uscito il vaccino: prima lettere anonime, poi minacce per telefono in clinica e all'hotel di mia moglie, è un continuo".

Anche su Instagram l'infettivologo genovese ha ribadito di non servirsi al sicuro, chiedendo l'intervendo della magistatura: "Trovo vergognosi gli attacchi che continuo a subire da parte del mondo dei no vax. Minacce di morte a me e alla mia famiglia, lettere anonime, telefonate minatorie, insulti per strada, chat su Telegram, offese sui giornali e in televisione. Dove vogliamo arrivare? Io non mi sento tutelato nonostante la protezione che ricevo dalle forze di polizia. Occorre che la magistratura intervenga in maniera efficace e deve farlo presto - conclude Bassetti - prima che sia tardi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo Bassetti aggredito da un no-vax sotto casa: "Non mi sento al sicuro"

Today è in caricamento