rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
"Violenza privata"

"Imputazione coatta" per Beppe Grillo per l'aggressione al giornalista di 'Dritto e rovescio'

Respinta la richiesta di archiviazione per violenza privata nei confronti di Grillo. Il giornalista Francesco Selvi lo accusò di averlo aggredito a Marina di Bibbona mentre cercava di intervistarlo 

Il gip di Livorno ha respinto la richiesta del pm di archiviazione per violenza privata nei confronti di Beppe Grillo ai danni del giornalista Francesco Selvi. Il giudice ha disposto che il pubblico ministero formuli l'imputazione nei confronti di Grillo entro 10 giorni. A renderlo noto è l'Associazione Stampa Toscana, ribadendo "solidarietà al collega Selvi, così come respinge e condanna tutti gli atti contro i giornalisti impegnati in prima linea sul fronte della notizia".

I fatti risalgono al 7 settembre del 2020 quando sulla spiaggia di Marina di Bibbona Francesco Selvi stava cercando di intervistare Beppe Grillo per la trasmissione di Rete4 "Dritto e Rovescio". Grillo, secondo l'accusa, strappò di mano il cellulare al giornalista e lo spinse per le scale dello stabilimento balneare dove si trovava procurandogli un trauma distorsivo al ginocchio sinistro. Da qui la denuncia per violenza privata e lesioni fatta dal giornalista alla Procura di Livorno.

"L'Associazione Stampa Toscana seguirà dunque con attenzione la vicenda assicurando piena vicinanza al collega Selvi", ha detto il presidente Sandro Bennucci.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Imputazione coatta" per Beppe Grillo per l'aggressione al giornalista di 'Dritto e rovescio'

Today è in caricamento