rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024

"Berlusconi chiese ai servizi segreti di uccidere Gheddafi"

A svelare il retroscena è il Fatto Quotidiano: al momento dell'intervento Nato in Siria, Berlusconi era ritenuto troppo vicino al Raìs e per questo avrebbe chiesto di eliminarlo. Smentite dallo staff del Cavaliere

Un'amicizia troppo scomoda e pericolosa che avrebbe messo in pericolo lui stesso. Per questo Silvio Berlusconi, nel 2011, avrebbe chiesto al capo dei servizi segreti Gianni De Gennaro di uccidere il Raìs Gheddafi. A "sganciare" la bomba è il Fatto Quotidiano che cita una fonte diplomatica molto autorevole e vicina agli ambienti di sicurezza. 

Il periodo sarebbe, più o meno, databile intorno a marzo 2011 quando erano cominciati i bombardamenti della Nato su Tripoli e quando i ricordi dei vertici romani fra il Colonnello e il Cavaliere in tenda a villa Pamphili erano ancora freschissimi. Proprio questi ricordi, che evidentemente imbarazzavano Berlusconi, avrebbero spinto l'allora premier a chiedere ai servizi segreti se fosse possibile "fare fuori Gheddafi". 

fatto-2A quanto pare un seguito non c'è stato, ma Ignazio La Russa, ex ministro della Difesa, non esclude che un fondo di verità ci sia. "Non venivano certo a raccontarlo a me - ha commentato il fondatore di Fratelli d'Italia - ma è possibile. Berlusconi era preoccupato di trovarsi lui stesso in difficoltà perché considerato troppo vicino al leader libico". 

Secca, però, è arrivata la smentita dello staff di Berlusconi. A prendere le difese dell'ex presidente del Consiglio è stato Paolo Bonaiuti: "Ma come si può sostenere che il presidente Berlusconi abbia soltanto pensato a un'infamia del genere? E' totalmente falsa, incredibile, assurda e inaccettabile". 

Fonte: Il Fatto Quotidiano →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Berlusconi chiese ai servizi segreti di uccidere Gheddafi"

Today è in caricamento