rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Dramma / Foggia

Alina e Hristov, i bimbi di 2 e 4 anni morti nell'incendio di Stornara

Il dramma della baraccopoli rom nel foggiano, con due bambini piccoli arsi vivi nel rogo

La tragedia della baraccopoli rom nel foggiano, con due bambini piccoli arsi vivi nel rogo, ha scosso l'Italia. Alina e Hristov avevano 2 e 4 anni: sono morti bruciati in un incendio divampato in un baraccopoli a Stornara, vicino Foggia.

Il rogo si è sviluppato ieri intorno alle 9 in un insediamento abusivo alla periferia della cittadina sulla strada per Cerignola. I vigili del fuoco chiamati a domare le fiamme hanno rivenuto i corpi carbonizzati dei due bambini. Sulle cause dell'incendio non si esclude l'ipotesi di un sistema di riscaldamento di una stufa a legna. Disperati i genitori, entrambi giovanissimi. Il padre era al lavoro, mentre la madre era all'esterno. Il padre era andato a lavorare in campagna mentre la mamma era andata in bagno. Quando la donna è tornata ha trovato la baracca in fiamme. La famiglia è di nazionalità bulgara.

Resta da chiarire se le due vittime siano state soprese nel sonno dalle fiamme o se invece le cause del decesso siano riconducibili alle esalazioni da monossido di carbonio.

Il video di FoggiaToday dal luogo della tragedia:

I rom di questa etnia vengono in Italia spesso per la stagione del raccolto dei pomodori, vivono in baraccopoli nella Capitanata, in provincia di Foggia. In questi anni sono morti in incidenti simili almeno altre cinque persone: un rom nel 2016, Ivan Miecoganuchev, nel 2018 Bakary Secka, nel 2019 Samara Saho, nel 2020 una ragazza nigeriana, a giugno di quest’anno Mohammed Ben Ali. Ora i due bambini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alina e Hristov, i bimbi di 2 e 4 anni morti nell'incendio di Stornara

Today è in caricamento