rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Il caso / Modena

Dimesso dall'ospedale il bimbo di due anni operato al cuore, i genitori pretendevano sangue no vax

Alla coppia è stata temporaneamente sospesa la patria potestà e il piccolo è stato sottoposto all'intervento da parte dei medici dell'ospedale Sant'Orsola di Bologna. Gli aggiornamenti sulle sue condizioni

E' finalmente fuori dall'ospedale e sta bene il bambino modenese cardiopatico operato al Policlinico Sant'Orsola di Bologna per una grave cardiopatia congenita che era finito al centro dell'attenzione mediatica perché i genitori si erano opposti all'operazion. Chiedevano che venisse dato al loro bimbo solo sangue di "no vax"

Padre e madre, originari di Sassuolo, avevano detto esplicitamente di non gradire per il figlio - di due anni - sangue di persone vaccinate contro il Covid. Dopo la polemica sui donatori non immunizzati, che si erano fatti avanti per aiutare la famiglia, è intervenuto il giudice. Il tribunale per i minorenni di Bologna ha infatti sospeso la potestà genitoriale. Una decisione limitata nel tempo, adottata per il tempo necessario a poter svolgere l'operazione chirurgica. Il personale del Sant'Orsola ha così eseguito l'intervento. Gli specialisti dell'Irccs hanno operato il piccolo "che ora sta bene ed è tornato a casa con i suoi genitori. Continuerà ad essere seguito dal Centro", fanno sapere dal Policlinico bolognese in una nota. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dimesso dall'ospedale il bimbo di due anni operato al cuore, i genitori pretendevano sangue no vax

Today è in caricamento