rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Un'arma in più

Arriva la pistola "spara laccio" per fermare i malviventi

Un poliziotto può lanciare le corde in kevlar verso le gambe o il busto del sospetto

Al via in Italia la sperimentazione della pistola “spara laccio”, il cui nome originale è “bolawrap”. Si tratta di una pistola a salve che, invece di sparare proiettili, lancia dei lacci in kevlar molto forti e dotati di grande resistenza meccanica, con ai vertici delle piccole ancore che si agganciano ai lacci o agli indumenti di chi è obiettivo della pistola. Dopo la Serbia, prima polizia ad averlo provato, arriva la prova anche in Italia e a portare avanti la sperimentazione sarà il comando della polizia municipale di Genova.

Di fronte una situazione idonea, un poliziotto può lanciare il laccio verso le gambe o il busto del soggetto pericoloso bloccandolo senza ferirlo prima che la situazione degeneri. Un laser guida la mira, mentre il laccio viene lanciato alla velocità di oltre 150 metri al secondo, a una distanza che varia tra i 3 e i 7 metri.

E' uno strumento molto efficace e a mio avviso sarebbe corretto che tutte le forze di polizia ne siano dotate - ha sottolineato il comandante della Municipale genovese Gianluca Giurato - Quando si deve affrontare una situazione critica, vincere una resistenza o una violenza, bisogna utilizzare il mezzo meno impattante sotto il profilo dell'incolumità della persona su cui viene usato. Vorrei ricordare che nel 2021 solo nel centro storico di Genova abbiamo avuto 27 agenti che hanno riportato lesioni in scontri fisici, rispetto ai 12 del 2020. Sono circa 500 i tso effettuati ogni anno dalla polizia locale di Genova".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva la pistola "spara laccio" per fermare i malviventi

Today è in caricamento