Giovedì, 13 Maggio 2021
Pordenone

Bolletta da un centesimo ad anziana vedova da pochi giorni: "Paga o stacchiamo la luce"

L'avviso per morosità è giunto ad una residente di Prata, in provincia di Pordenone. L'importo? Un centesimo. Sì, proprio così: 0,01 euro. Rabbia Codacons

L'avviso per morosità inoltrato dalla Audax Energia di Vinovo (Torino) ad un'anziana donna residente a Prata (Pordenone) con l'ingiunzione del pagamento di un centesimo altrimenti si sarebbe vista interrompere la fornitura del servizio. 21 novembre 2017. ANSA

"Paga o ti stacchiamo la corrente": è questo in estrema sintesi il contenuto di un avviso per morosità giunto ad una residente di Prata, in provincia di Pordenone. L'importo? Un centesimo. Sì, proprio così: 0,01 euro.

L'anziana donna, per giunta vedova da pochi giorni,  si è vista recapitare una raccomandata con ricevuta di ritorno con la quale il fornitore di energia - Audax Energia di Vinovo, alle porte di Torino - ha messo in mora il servizio di cui usufruisce.

"A seguito di un controllo contabile interno - si legge nel testo delle morosità per l'energia elettrica - abbiamo riscontrato che non risultano ancora saldate le fatture, di seguito meglio elencate, per l'utilizzo del servizio di fornitura di energia elettrica". La cifra dovrà essere saldata tramite bonifico bancario in unica soluzione. "Una volta effettuato il pagamento di quanto richiesto - si legge nella nota - la preghiamo di inviare copia della contabile comprovante l'avvenuto versamento via fax oppure inviare una mail. In caso di mancato pagamento verrà effettuata la sospensione della fornitura".

"Valuteremo perché sia accaduto ciò, visto che c'erano altre modalità di recupero di quella somma per un cliente ancora attivo": dicono oggi da Audax energia. "Le diciture di questi solleciti sono standard - fa sapere all'Ansa l'azienda torinese - e valgono qualunque sia la cifra, così come sono perentori i termini per saldare il dovuto e non incorrere in ulteriori sanzioni. Per ora possiamo solo confermare l'originalità della missiva: la raccomandata è stata inviata da noi, ma dobbiamo capire perché sia stata recapitata con quelle modalità e per quella cifra. Quando avremo completato le verifiche saremo più precisi. Ci scusiamo in anticipo per gli inconvenienti che possono essere derivati da questa comunicazione".

Il Codacons denuncerà l’azienda per violenza privata: "Si tratta di un comportamento inaccettabile e le giustificazioni dell’azienda non appaiono condivisibili – spiega il presidente Carlo Rienzi – Esistono procedure ben precise per recuperare debiti reali o presunti, e diverse strade da intraprendere prima di arrivare all’interruzione della fornitura elettrica. La minaccia contenuta nella comunicazione inviata ad una anziana cliente rappresenta una forma di violenza che non possiamo tollerare: per tale motivo il Codacons presenterà domani un esposto alla Procura di Pordenone chiedendo di aprire una indagine sul caso e valutare il comportamento della società alla luce di possibili reati compreso quello di violenza privata" – conclude Rienzi.

La notizia su TorinoToday

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bolletta da un centesimo ad anziana vedova da pochi giorni: "Paga o stacchiamo la luce"

Today è in caricamento