rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Orrore / La Spezia

Fanno a pezzi il cadavere di un ragazzo per recuperare gli ovuli di cocaina

Quattro arresti a La Spezia. L'indagine è partita a febbraio del 2022, dopo il ritrovamento dei resti nel bosco di monte Parodi, alle spalle della città ligure

Orrore a La Spezia, dove un corriere sudamericano, morto dopo lo scoppio di alcuni ovuli di cocaina che aveva ingerito, è stato fatto a pezzi da quattro connazionali per recuperare la droga. I quattro sono stati arrestati, dopo una lunga indagine, con l'accusa di importazione, detenzione e spaccio di ingenti quantitativi di cocaina e di vilipendio e occultamento di cadavere. L'inchiesta è stata aperta dopo il ritrovamento dei resti del cadavere nel bosco di monte Parodi, alle spalle della città ligure, a febbraio dello scorso anno.

Le operazioni si sono svolte tra le province de La Spezia e di Massa Carrara. I provvedementi di custodia cautelare sono stati emessi dall'autorità giudiziaria a seguito di un'attività investigativa coordinata dalla procura e condotta congiuntamente dalla squadra mobile della questura e dal nucleo investigativo del comando provinciale carabinieri. Nell'operazione sono stati impiegati oltre sessanta tra poliziotti e carabinieri.

Le indagini erano partite dal ritrovamento di un teschio e altri resti umani da parte di un escursionista. Venne scoperto che erano i resti di un corriere morto a causa dello scoppio di alcuni ovuli di cocaina che aveva ingerito. Per recuperare l'altra droga che l'uomo aveva in corpo, il gruppo aveva smembrato il cadavere. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fanno a pezzi il cadavere di un ragazzo per recuperare gli ovuli di cocaina

Today è in caricamento