rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
La denuncia / Vibo Valentia

Mettono la candeggina nel calice del vino per avvelenare il prete

Ancora minacce a don Felice Palamara. Indagano i carabinieri su quanto avvenuto a Pannaconi, frazione di Cessaniti, nel Vibonese

Prima dell'inizio della messa nella chiesa di san Nicola di Pannaconi, frazione di Cessaniti in provincia di Vibo Valentia, celebrata da don Felice Palamara, qualcuno ha versato candeggina nelle ampolline dell'acqua e del vino. Lo ha scoperto lo stesso parroco, vittima nei giorni scorsi di altre intimidazioni e minacce, dopo aver consacrato acqua e vino nel celebrare l'eucarestia.

Quando ha accostato il calice alla bocca, il giovane sacerdote ha sentito uno strano odore che lo ha indotto a non bere né il vino, né l'acqua. Don Felice ha poi scoperto, attraverso analisi eseguite in un laboratorio, che nelle due ampolle era stata versata candeggina.

Il sacerdote ha denunciato l'accaduto ai carabinieri, che hanno avviato le indagini per identificare i responsabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mettono la candeggina nel calice del vino per avvelenare il prete

Today è in caricamento