Lunedì, 21 Giugno 2021
MILANO

Animali al buio e senza cibo: scoperto canile lager a Milano

Il responsabile, un 65enne, è stato denunciato per maltrattamento di animali, abuso edilizio e numerosi altri reati. Decine gli animali liberati ma molti dei cuccioli erano morti di stenti

Il canile lager di Gessate

A Gessate, in provincia di Milano, 65 animali sono stati liberati da un canile lager.

I carabinieri, operando in sinergia con un parlamentare del Movimento 5 Stelle, Paolo Bernini, e il movimento animalista Eital, hanno messo i sigilli ad una struttura abusiva e fatiscente dove i cani erano costretti a vivere in condizioni agghiaccianti. 

Numerosi animali erano tenuti al buio, senza acqua e senza cibo; i militari hanno ritrovato pure i corpi di tanti cuccioli, rinchiusi al buio e morti di stenti. Lo ha reso noto lo stesso lo politico, secondo il quale la scoperta del lager, di proprietà di un cacciatore pluricampione del mondo, ha permesso di portare in salvo tutti gli animali. 

La scoperta del lager di proprietà di un cacciatore pluricampione del mondo di razza, ha permesso di trarre in salvo moltissimi cani, detenuti in condizioni di maltrattamento.

Il 65enne responsabile dell'area in questione è stato denunciato per maltrattamento animale, somministrazione di farmaci scaduti, esercizio abusivo di professione, abuso edilizio e resistenza a pubblico ufficiale. I cani sono stati prelevati e trasportati in una struttura adeguata in attesa delle direttive da parte del magistrato che sta curando l'incarto.

"E’ ormai sempre la stessa storia - scrive il parlamentare Bernini su Facebook - situazioni denunciate dai cittadini da anni e nessuno di competenza che interviene e così chi lucra sugli animali è libero di violare le norme sistematicamente a scapito degli animali.

"Un ringraziamento dovuto va all'Arma dei carabinieri - prosegue il pentastellato – che non solo ogni giorno si occupa della sicurezza dei cittadini, ma sempre più spesso viene da noi interpellata e, in qualità di autorità di polizia giudiziaria super partes, si presta con impegno e responsabilità in controlli che dovrebbero spettare ad altri corpi preposti. Non a caso, gli interventi con i carabinieri portano sempre ad esiti positivi, a differenza di controlli eseguiti da differenti autorità". (Da MilanoToday)
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Animali al buio e senza cibo: scoperto canile lager a Milano

Today è in caricamento