Mercoledì, 12 Maggio 2021
Viterbo

Caporalato, estorsione e sequestro di persona: quattro arresti

La Guardia di Finanza di Tarquinia ha fermato quattro persone che gestivano un sistema perverso di sfruttamento degli operai: 3,90 euro all'ora, senza ferie e malattie, costantemente sotto minaccia

Foto di repertorio

Operai che lavoravano senza ferie, senza malattia e senza tredicesima per 3,90 euro all'ora. Il tutto sotto la costante minaccia, esplicita e violenta, di ripercussioni o di licenziamento. E’ questo il quadro che emerge dall’operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Tarquinia che ha portato all’arresto di quattro persone con l’accusa di caporalato, estorsione, sequestro di persona, sfruttamento e minacce ai danni di lavoratori nonché truffa aggravata ai danni dell’Inps. 

Le indagini, dirette dal procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Civitavecchia Andrea Vardaro e dal sostituto procuratore Alessandra D’Amore sono state eseguite dai Finanzieri della Compagnia di Tarquinia, agli ordini del capitano Antonio Petti e hanno portato alla luce un sistema perverso e spregiudicato di sfruttamento di operai impiegati in una nota azienda tarquiniese, operante nel settore metalmeccanico.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caporalato, estorsione e sequestro di persona: quattro arresti

Today è in caricamento