Sabato, 27 Febbraio 2021
Bergamo

I carabinieri che hanno derubato uno spacciatore

Due militari hanno trovato 11mila euro durante una perquisizione e se li sono tenuti. Poi hanno tentato di rimetterli a posto ma sono stati scoperti

A Rho due carabinieri  durante una perquisizione avrebbero trattenuto 11 mila euro trovati a uno spacciatore arrestato. Poi, temendo di essere scoperti, li avrebbero rimessi a casa. Ora sono ai domiciliari per appropriazione indebita, falso ideologico e accesso abusivo a sistema informatico, frode in processo penale e depistaggio. Il Corriere della Sera racconta oggi la strana storia finita con l'arresto dei due, cominciata con un inseguimento a Stezzano in provincia di Bergamo

I carabinieri che derubavano lo spacciatore

Dopo essere riusciti a fermare uno spacciatore in fuga il 18 settembre 2017 i militari sequestrano 250 chili di marijuana e arrestano un cittadino marocchino, ma scrivono di non aver trovato nulla in casa dopo la perquisizione a Dalmine. Ma la moglie dell'arrestato a quel punto telefona in caserma e dice che non trova più undicimila euro. Loro le dicono che si sbaglia ma anche l'arrestato telefona, intercettato, alla moglie e le chiede dove siano finiti i soldi. 

A quel punto tornano sul luogo della perquisizione (inventando una scusa per ottenere l'autorizzazione che viene comunque negata) e rimettono a posto i soldi. Poi tentano di cancellare la telefonata intercettata dal sistema Mcr della società privata Area. Ma la discrepanza tra gli atti già trascritti fa suonare un campanello d'allarme e l'indagine della pm milanese Cristiana Roveda con i carabinieri di Monza. 

«Sono accuse fondate solo su deduzioni»,ribatte Francesca Lisbona, che difende i due militari avvalsisi della facoltà di non rispondere alla gip Alessandra Clemente, la quale in un primo tempo aveva ravvisato a Bergamo la competenza territoriale, poi radicata di nuovo a Milano dalla Cassazione. «Giuseppe Grande ha 22 anni di impeccabile servizio, Luigi Marcone addirittura 31 anni — rimarca l’avvocato —, sono carabinieri che fanno onore all’Arma e mai hanno avuto contestazioni, anzi le loro note caratteristiche sono eccellenti».

Gli arresti risalgono a quasi un mese fa, tanto che nel frattempo la gip li ha sostituiti con l’obbligo di firma dopo che l’Arma ha sospeso i due dal servizio.

Cecilia Marogna: la Dama del Cardinale arrestata perché ha speso i soldi della Chiesa in borsette di lusso

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I carabinieri che hanno derubato uno spacciatore

Today è in caricamento