Domenica, 18 Aprile 2021

Cassonetto lanciato sulla spiaggia colpisce un bimbo, 17enne confessa: è stata una bravata

Il giovane è stato denunciato per lesioni gravissime. Il colonnello dei carabinieri: "Non sapeva che su quella spiaggia ci fossero delle persone"

La spiaggia di Bergeggi, ANSA

Una bravata. È stato un ragazzino di 17 anni a lanciare il cassonetto che ha ferito gravemente un bambino di 12 anni sulla spiaggia di Bergeggi, sul litorale ligure. Il bimbo ha riportato un grave trauma cervico facciale con frattura alla mandibola e secondo le notizie riportate ieri dalla stampa rischia anche danni neurologici.

Per fortuna secondo la Asl le condizioni del bimbo "sono in lento ma progressivo miglioramento". Il giovane "ricoverato sabato in Unità di Terapia Intensiva- Rianimazione, per arresto cardiocircolatorio ripreso sul territorio, ha sospeso il coma farmacologico ieri mattina" si legge nella nota. 

La dinamica dei fatti

La tragedia è avvenuta nella notte tra venerdì e sabato. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri, il giovane è uscito verso le 3 da una discoteca e si è fermato ad un chiosco dei panini sulla via Aurelia, che però era chiuso. Poi la bravata: il 17enne ha lanciato il cassonetto convinto che finisse direttamente in mare. E invece così non è stato. Il bidone ha colpito un bambino che stava dormendo in tenda con la famiglia sulla spiaggia. La sorella si è salvata per miracolo.  

Cassonetto lanciato sulla spiaggia di Bergeggi, la confessione 

Il 17enne che ha lanciato il bidone sulla spiaggia è stato denunciato per lesioni gravissime.  "All'inizio ha cercato di negare ma poi ha capito che erano stati raccolti elementi sufficienti per procedere anche in autonomia alla denuncia e quindi alla fine, spinto anche dai genitori presenti all'interrogatorio, il 17enne ha confessato", ha spiegato all'Adnkronos il tenente colonello Alessandro Ciuffolini, comandante del Reparto Operativo Carabinieri Savona. 

Secondo il colonello si è trattato "solo una gravissima bravata, il 17enne ha detto di essere molto dispiaciuto e di non sapere che vi fossero persone su quella spiaggia. Si è trattato quindi di una gravissima bravata, ribadisco, che non ha nulla a che vedere, al contrario di quanto si è parlato nei giorni scorsi, di un atto contro i campeggiatori abusivi presenti su quella spiaggia".

"Non sapeva che lì sotto ci fosse qualcuno"

Secondo Ciuffolini, il giovane è credibile quando afferma "di non avere assolutamente idea che sotto ci fosse qualcuno e quell'area tra l'altro è completamente al buio". "Il bidone, prima di colpire il 12enne, ha rimbalzato a terra - ha spiegato ancora il colonnello - e questo ha per così dire ammortizzato il colpo. Tra l'altro la sorella del 12enne si era appena spostata perché stava scomoda altrimenti il bidone avrebbe colpito lei in pieno, probabilmente uccidendola. Mentre il fratello è stato colpito di rimbalzo".

bergeggi spiaggia google-2-2 Articolo aggiornato alle 15:17 del 6 agosto 2019 con la nota della Asl ligure n.4

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassonetto lanciato sulla spiaggia colpisce un bimbo, 17enne confessa: è stata una bravata

Today è in caricamento