Sabato, 16 Ottobre 2021
Contro il sindacato / Livorno

Colla alla porta e insulti: l'atto vandalico contro una sede della Cgil

Bloccata con una potente colla la porta d'ingresso della sede di Piombino (Livorno). La denuncia del sindacato: "Gesto inaccettabile, vile e vigliacco"

Nuovo atto di intimidazione nei confronti della Cgil. Nel mirino dei contestatori è finita la sede Spi-Cgil del quartiere Salivoli di Piombino (Livorno). La serratura della porta d'ingresso della struttura è stata bloccata "con una potente colla, tanto che per poterla riaprire è servito l'intervento di un fabbro". Lo denuncia la Cgil provinciale di Livorno. È stato necessario sostituire la serratura vandalizzata con una nuova. Sulla porta d'ingresso è stato inoltre trovato un cartello con insulti rivolti al sindacato in relazione alla sua posizione nei confronti della questione vaccini. A scoprire l'accaduto sono stati stamani i delegati incaricati di aprire la sede.

L'atto vandalico contro la sede della Cgil a Piombino (Livorno)

"Si è trattato di un atto inaccettabile, vile e vigliacco, nei confronti della Cgil e in particolare di chi ogni giorno è in prima linea per tutelare i diritti dei pensionati. L'auspicio è che le autorità preposte individuino nel più breve tempo possibile gli autori di questo gesto. Una cosa però dev'essere ben chiara: non ci faremo di certo intimidire. Continueremo a portare avanti le nostre battaglie con passione e determinazione", afferma la Cgil provinciale di Livorno.

"Solidarietà alla comunità della Cgil per gli atti di vandalismo subiti alla sede di Salivoli e molta preoccupazione per i messaggi intimidatori trovati nella mattinata di oggi": così la segreteria della Federazione del Partito Democratico, il coordinamento del Pd di Piombino e i gruppi consiliari Pd e Anna per Piombino. "Un fatto grave, a maggior ragione nella nostra città che da anni soffre di una crisi economica profonda e dove i sindacati sono stati in prima linea dalla parte dei lavoratori - afferma il Pd -. Non può sfuggire il collegamento tra questi fatti e quello che è accaduto sabato a Roma alla sede nazionale della Cgil e l'indignazione non può essere sufficiente, serve una mobilitazione repubblicana contro ogni forma di fascismo squadrista. Per questo sabato saremo a Roma alla manifestazione indetta da Cgil, Cisl e Uil. Il sindacato svolge una funzione cruciale di cucitura sociale, specie in un momento drammatico della nostra storia e non può essere oggetto di attacchi volgari, pericolosi quanto ingiustificati. Si cerchino i responsabili e vengano puniti. Lo Stato, di cui i sindacati sono meccanismo essenziale, non può restare in silenzio di fronte a minacce e violenza".

Gli insulti alla Cgil e gli striscioni contro il green pass a Milano

Tensione anche a Milano, con insulti alla Cgil e al segretario generale Maurizio Landini durante il corteo di protesta dei lavoratori organizzato da Usb, Sol e Cobas nella giornata dioggi. Arrivati di fronte alla Camera del Lavoro un gruppo di manifestanti ha rivolto cori e insulti ai sindacalisti della Cgil in presidio davanti alla sede milanese. 'Servi', 'buffoni', 'venduti', 'i fascisti siete voi', 'servi dei padroni' sono alcuni dei cori del corteo rivolti alla Cgil e al segretario Landini.  Non solo, i manifestanti hanno poi srotolato uno striscione 'No green pass' che campeggiava di fianco alle bandiere rosse.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colla alla porta e insulti: l'atto vandalico contro una sede della Cgil

Today è in caricamento