Lunedì, 20 Settembre 2021
Esasperato

"Meglio il carcere che mia suocera" e così aggredisce i carabinieri

Prima ci aveva provato con le buone

Tutto ma non in casa con la suocera. Per un 52enne originario di Lecce ma residente ad Asti, è diventato impossibile proseguire con gli arresti domiciliari. Meglio il carcere.

Così ha chiesto gentilmente ai carabinieri di poter essere portato in carcere. I militari gli hanno spiegato che non era possibile e così è evaso, non facendosi trovare in occasione di un controllo. Quando poi è stato rintracciato, era sicuro: “Adesso mi portate in carcere vero?”. Di fronte al secondo diniego dei carabinieri, ha perso la testa e li ha aggrediti con calci e spintoni.

Davanti al gip si è scusato per l'aggressione, ammettendo di aver esagerato con il vino e di non ricordare nulla degli eventi del giorno precedente. In attesa di essere giudicato per direttissima, passerà il tempo che lo separa dalla sentenza in carcere, come sperato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Meglio il carcere che mia suocera" e così aggredisce i carabinieri

Today è in caricamento