Venerdì, 27 Novembre 2020

Il figlio di Beppe Grillo verso la richiesta di rinvio a giudizio per stupro di gruppo

La procura di Tempio Pausania chiude le indagini su Ciro, accusato di violenza sessuale insieme ad altri tre giovani. Ora sarà il Gip a decidere

Ciro Grillo, 19 anni, figlio di Beppe, va verso la richiesta di rinvio a giudizio insieme a Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria, tutti accusati di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una studentessa di 19 anni nell'appartamento del padre in Costa Smeralda. La procura di Tempio Pausania ha chiuso le indagini, atto che di solito prelude la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dei quattro. 

Il figlio di Beppe Grillo verso la richiesta di rinvio a giudizio per stupro di gruppo

La storia comincia in una notte di metà luglio del 2019, quando Ciro Grillo e gli altri tre si trovavano al Billionaire di Briatore. Lì incontrano due ragazze e bevono insieme prima di andare nella casa del fondatore del MoVimento 5 Stelle. Una delle due ragazze si addormenta, l'altra dice di essere stata costretta a un rapporto con uno dei giovani e di essere stata poi violentata fino al mattino dagli altri tre. Repubblica scrive oggi in un articolo a firma di Paolo G. Brera che i ragazzi ammettono il sesso di gruppo ma sostengono che fosse consenziente e consapevole, e forniscono come prova che dopo il primo rapporto i due siano andati insieme a comprare le sigarette e che poi siano tornati: in quell'occasione ci sarebbero stati i rapporti con gli altri tre. 

Secondo la versione delle difese il giorno dopo le due amiche hanno preso un taxi che le ha riportate ad Arzachena in un clima di serenità. La ragazza italo-svedese racconta invece di una notte da incubo e spiega che i messaggi scambiati anche nei giorni successivi con il gruppo di ragazzi sarebbero stati il segno di rimozione e vergogna. Nelle scorse settimane la ragazza — difesa dall’avvocata Giulia Bongiorno, senatrice ed ex ministra leghista nel primo governo Conte — è stata nuovamente ascoltata dagli inquirenti. Tra un paio di settimane spetterà al gup decidere se rinviare a giudizio, come vuole la procura, o archiviare come sperano le difese. A ottobre venne interrogata anche Parvin Tadjik, la moglie di Beppe Grillo, che la notte del 16 luglio dormiva nell’appartamento accanto a quello in cui si trovavano i quattro ragazzi con le due amiche. Ma la compagna del comico non avrebbe udito nulla.

Un nuovo Dpcm, dieci giorni per i regali e le regole per lo shopping: come sarà il Natale 2020

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il figlio di Beppe Grillo verso la richiesta di rinvio a giudizio per stupro di gruppo

Today è in caricamento